Google+

A Milano La Grande fabbrica delle Parole

gennaio 19, 2013 Valeria De Domenico

Anfiteatro della Martesana, Milano. Area recuperata al degrado, nel cuore della zona di via Padova. Parco giochi, spazi verdi, locali riservati all’accoglienza di gruppi scout, gruppi di danza popolare, associazioni di mamme e associazioni che promuovono l’inserimento degli stranieri.

E’ qui che ha la sua sede La Grande fabbrica delle Parole. Qui per centinaia di bambini ogni anno nascono le storie, le parole tentano di definire la realtà in modo semplice e naturale e riacquistano il loro potere e la loro bellezza, diventando amiche soprattutto di chi, per storia e condizioni, è alle prime armi con l’italiano.

Il progetto fa capo all’Associazione Terre di Mezzo, che ha ripreso il metodo elaborato e collaudato a San Francisco  dal gruppo 826 Valencia su iniziativa di Dave Eggers,  passando per il Fighting Words di Dubblino e il Ministry of Stories di Londra.

Il laboratorio propone ai bambini un percorso pragmatico. Uno degli scopi è quello di spiegare come funziona il mondo dell’editoria, quindi l’obiettivo del loro lavoro sarà farsi pubblicare un libro da un editore misterioso e saranno affiancati da uno scrittore e da un illustratore. L’altro scopo è quello di ribadire quali sono gli elementi fondamentali della narrazione e per questo saranno chiamati a proporre e scegliere protagonista, ambientazione, desiderio, ostacolo. Da qui in poi inizia il lavoro individuale, quello nel quale ciascuno deve finalmente cimentarsi con le parole e tentare di usarle al meglio per dar corpo alle idee.

Il metodo è indubbiamente efficace. Offre opportunità di coinvolgimento soprattutto per i bambini con difficoltà linguistiche. Nelle scuole di una città come Milano la percentuale di bambini stranieri, nati in Italia, ma inseriti in un contesto familiare in cui si parla una lingua straniera o addirittura nati nel paese d’origine dei genitori e lasciati crescere lì presso i nonni per i primi anni di vita, raggiunge percentuali del 50 per cento. Per costoro un’esperienza  come quella offerta dalla Fabbrica delle Parole è un’occasione preziosissima di acquistare fiducia in sé stessi e di superare le distanze emotive da questo strano mondo in cui tutti pretendono di mettere sulle cose e le sensazioni suoni incomprensibili…

Per chi ha familiarità con la lingua italiana la Fabbrica è un ottimo banco di prova, una sfida che può riservare sorprese. Nella Grande Fabbrica delle Parole, ad esempio, non ci sono gomme per cancellare e questa ci è sembrata una cosa molto bella, che solleva i bambini, specie quelli “bravi”, dall’ansia di sbagliare  e li induce a pensare che qualsiasi errore si possa riparare, con l’aiuto di un adulto, magari.

Il laboratorio, che consideriamo davvero un dono per la città, presuppone però un percorso compiuto: perché i bambini che arrivano a costruire storie abbiano il desiderio di raccontare, siano incuriositi e appassionati alla realtà, è necessario che abbiamo letto, ascoltato e giudicato storie affascinanti, tali da riempirli di stupore e di desiderio di bello. E garantire questo rimane a noi genitori, insegnanti, educatori.

I laboratori sono gratuiti, ma necessitano prenotazione, per le classi di scuola elementare e media: www.grandefabbricadelleparole.it

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Passano gli anni ma il tre cilindri della Triumph Speed Triple rimane una delle moto da bar tra le più gustose. Ha coppia e cavalli giusti, non è una moto rapida, ma ha un bell'avantreno e una ciclistica sportiva: 13.850 euro la S e 15.950 euro la RS

L'articolo Prova Triumph Speed Triple 1050 RS proviene da RED Live.

Botte piena e moglie ubriaca? I moderni pneumatici Sport Touring puntano a darvi di tutto un po’. Durata, miglior comportamento sul bagnato, e più efficacia nella guida “spigliata” sono i punti chiave su cui Michelin ha lavorato per il nuovo Road 5. Saranno riusciti nell’intento? Siamo andati in Spagna per verificarlo

L'articolo Prova Michelin Road 5 Sport Touring per vocazione proviene da RED Live.

Tutta nuova, la berlina del Leone graffia molto di più rispetto al passato. Perché è più corta e bassa, ha un design dinamico e la solita attenzione al look by Peugeot. La toccheremo con mano al prossimo Salone di Ginevra

L'articolo Nuova Peugeot 508, la berlina si fa bella proviene da RED Live.

Basata sulla piattaforma EMP2, ha due lunghezze, un bagagliaio smisurato e interni da berlina di lusso. Per elevare verso nuovi orizzonti il concetto di veicolo Multispazio

L'articolo Peugeot Rifter, la nuova multispazio a Ginevra proviene da RED Live.

Una storia, quella delle Sportster, nata nel 1957 e destinata a continuare senza sosta e senza eclatanti sorprese. Anche quest’anno infatti la famiglia si allarga e lo fa grazie a due nuove interpretazioni che combinano lo stile rétro ispirato ai canoni classici del mondo custom e le prestazioni pungenti del motore V-Twin 1200 Evolution.  IRON […]

L'articolo Nuove H-D Sportster Forty-Eight Special e Iron 1200 proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi