Google+

A Londra suonano l’inno del Sudafrica (“piccola gaffe”: è quello dell’Apartheid)

giugno 7, 2012 Lorella Beretta

Non c’è cosa a cui tengano di più, in Sudafrica, che non all’inno nazionale, Nkosi Sikelel’ iAfrica, Dio Benedica l’Africa. Lo insegnano all’asilo.

E invece a Londra gli organizzatori del campionato pre Olimpico di Hockey femminile si sono messi nei guai seri: martedì, sul campo erboso dove poi la squadra verde oro ha battuto quella britannica, hanno fatto suonare il vecchio inno sudafricano, quello dei governi dell’Apartheid, Die Stem. Altro titolo, altra sonorità, altre parole, altra lingua – quello attuale in Xhosa, Zulu, Sesotho, Afrikaans e Inglese, quello vecchio tutto in Afrikaans. Come sia potuto accadere poi che abbiano ritirato fuori dal dimenticatoio un inno archiviato nel 1994 è davvero inspiegabile.

Le scuse senza se e senza ma arrivate nel giro di poche ore hanno fatto diventare di dominio pubblico un fatto che era stato inizialmente relegato nelle brevine di sport e soprattutto non hanno placato i malumori sudafricani.

“Un altro oltraggio all’inno nazionale” titola il Timeslive facendo riferimento a clamorosi casi che hanno colpito gli inni nazionali di altri paesi: nel 2011 fu la volta di Christina Aguilera che ai Super Bowl, di fronte a un pubblico televisivo stimato di 111 milioni di persone, sbagliò alcune parole di The Star-Spangles Banner, l’inno americano. Steven Tyler, Aerosmith, azzeccò i versi ma accelerò il ritmo della musica. Per il Sudafrica, quello di Londra, però, non è il primo “oltraggio”: quelli che più fecero arrabbiare i sudafricani furono i connazionali Ras Dumisani, mito del reggae made in SA, e Ard Matthews: entrambi sono diventati noti per aver “scannato” melodia e parole. Ard sbagliò addirittura in occasione dell’annuncio della formazione degli Springbok per il Rubgy World Cup. A lui, i pubblicitari di Nando’s – della cui ficcante e ironica strategia di comunicazione abbiamo parlato alcuni post fa – avevano dedicato un significativo volantino appeso in tutta la catena del fast food del pollo: “Ard, abbiamo due parole per te… ma le abbiamo dimenticate…”.

A proposito di inno e di pubblicità, la First National Bank ha approfittato delle altrui dimenticanze e prodotto questo meraviglioso spot, che la dice lunga sul valore unificante attribuito a Nkosi Sikelel’ iAfrica. A futura memoria…

laberettina.blogspot.it/
www.capeiteasy.com

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

Commenti Facebook

1 Commenti

  1. Elena Predmore scrive:

    I simply want to say I’m all new to weblog and honestly loved this web-site. Probably I’m likely to bookmark your site . You surely come with fantastic articles. Cheers for sharing with us your blog site.

L’Osservatore Romano

L'Osservatore Romano

Tempi Motori – a cura di Red Live

Consegnate cinque auto marchiate Subaru a SCOTT per una operazione di co-marketing che vede impegnati i due brand in una serie di iniziative legate al mondo dell’outdoor

Una discesa in bici da record fino a -42 metri è l’evento che ha fatto da cornice alla presentazione di ExpoBici 2015, la fiera del 2Senza più importante d'Italia

Frutto dell’estro dell’ingegner Giotto Bizzarrini, padre di alcuni dei V12 più celebri della storia Ferrari e Lamborghini, era una GT estrema forte di 370 cv e 510 Nm. Una vettura decisamente “caliente”… specie in abitacolo!

Per la stagione 2015, Wolf Tooth ha introdotto sulle corone con profilo anticaduta un nuovo disegno dei denti. Si tratta di un esclusivo disegno asimmetrico, che ottimizza le prestazioni e la durata delle corone senza comprometterne le proprietà di ritenzione della catena, soprattutto in condizioni gravose.

MINI 5 porte diviene disponibile per i neopatentati grazie al 3 cilindri 1.2 turbo benzina depotenziato da 102 a 75 cv. Scatta da 0 a 100 km/h in 13,4 secondi. Costerà poco meno di 18.000 euro.

Speciale Nuovo San Gerardo