Google+

Blitz di Greenpeace rovina le millenarie Linee dei Nazca. Del resto «anche loro scomparvero per i cambiamenti climatici»

dicembre 11, 2014 Redazione

Le scuse dell’associazione ambientalista dopo l’azione legale intentata dal Perù per i danni causati al parco archeologico dalla dimostrazione pro-rinnovabili

greenpeace-peru-linee-nazca

La foto riprodotta qui sopra – pubblicata con orgoglio su Facebook da Greenpeace, a testimonianza di un nobile blitz pro energie rinnovabili organizzato dall’associazione ambientalista in Perù in occasione della conferenza Onu sui cambiamenti climatici in corso proprio a Lima – passerà alla storia come istantanea di uno dei pasticci più gravi mai combinati. Per lanciare l’ennesimo appello scenografico ispirato alle note teorie sul riscaldamento globale causato dall’uomo, questa volta Greenpeace ha pensato bene di utilizzare come location il suggestivo parco archeologico delle Linee di Nazca, i giganteschi, celeberrimi «geoglifi» disegnati 1500-2000 mila anni fa dall’omonima civiltà precolombiana e dichiarati patrimonio dell’umanità dall’Unesco.

greenpeace-peru-linee-nazca-kTRACCE INDELEBILI. Ma se «il futuro è rinnovabile», come recita lo slogan ecologista apparso sull’altopiano, il passato lo è molto meno. Per entrare nel sito di Nazca infatti servono rigide autorizzazioni e sofisticate precauzioni tecniche, tutte prescrizioni che però gli attivisti verdi non si sono preoccupati di seguire, con il pessimo risultato di aver lasciato sul terreno tracce che potrebbero restare visibili e rovinare il paesaggio per centinaia di anni (lo dimostrerebbe per esempio la foto qui a destra, pubblicata sempre su Facebook dall’Associazione “Maria Reiche”, ong che si occupa proprio della conservazione del parco archeologico peruviano). Almeno questa è l’accusa rivolta a Greenpeace dalle autorità del Perù, che hanno deciso di intraprendere un’azione legale contro i paladini dell’ambiente.

«NAZCA VITTIME DEL CLIMA». Da parte sua Greenpeace si è profusa in grandi scuse e intenzioni di non farlo mai più, ma non prima di prodursi in giustificazioni assurde, per esempio quella secondo cui il blitz sarebbe stato seguito da un esperto, o l’idea che le stesse antichissime Linee sarebbero «un simbolo del cambiamento climatico perché la civiltà Nazca scomparve per il climate change».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.

A Mandello del Lario sono attesi migliaia di appassionati del marchio, per un lungo weekend a base di divertimento, test e grandi anteprime

L'articolo Moto Guzzi Open House, 7-9 settembre 2018 proviene da RED Live.

Dettagli scuri e connettività Android Auto ed Apple CarPlay per la piccola del Leone un po' speciale

L'articolo Peugeot 208 Black Line, edizione limitata in salsa dark proviene da RED Live.