Google+

Blitz di Greenpeace rovina le millenarie Linee dei Nazca. Del resto «anche loro scomparvero per i cambiamenti climatici»

dicembre 11, 2014 Redazione

Le scuse dell’associazione ambientalista dopo l’azione legale intentata dal Perù per i danni causati al parco archeologico dalla dimostrazione pro-rinnovabili

greenpeace-peru-linee-nazca

La foto riprodotta qui sopra – pubblicata con orgoglio su Facebook da Greenpeace, a testimonianza di un nobile blitz pro energie rinnovabili organizzato dall’associazione ambientalista in Perù in occasione della conferenza Onu sui cambiamenti climatici in corso proprio a Lima – passerà alla storia come istantanea di uno dei pasticci più gravi mai combinati. Per lanciare l’ennesimo appello scenografico ispirato alle note teorie sul riscaldamento globale causato dall’uomo, questa volta Greenpeace ha pensato bene di utilizzare come location il suggestivo parco archeologico delle Linee di Nazca, i giganteschi, celeberrimi «geoglifi» disegnati 1500-2000 mila anni fa dall’omonima civiltà precolombiana e dichiarati patrimonio dell’umanità dall’Unesco.

greenpeace-peru-linee-nazca-kTRACCE INDELEBILI. Ma se «il futuro è rinnovabile», come recita lo slogan ecologista apparso sull’altopiano, il passato lo è molto meno. Per entrare nel sito di Nazca infatti servono rigide autorizzazioni e sofisticate precauzioni tecniche, tutte prescrizioni che però gli attivisti verdi non si sono preoccupati di seguire, con il pessimo risultato di aver lasciato sul terreno tracce che potrebbero restare visibili e rovinare il paesaggio per centinaia di anni (lo dimostrerebbe per esempio la foto qui a destra, pubblicata sempre su Facebook dall’Associazione “Maria Reiche”, ong che si occupa proprio della conservazione del parco archeologico peruviano). Almeno questa è l’accusa rivolta a Greenpeace dalle autorità del Perù, che hanno deciso di intraprendere un’azione legale contro i paladini dell’ambiente.

«NAZCA VITTIME DEL CLIMA». Da parte sua Greenpeace si è profusa in grandi scuse e intenzioni di non farlo mai più, ma non prima di prodursi in giustificazioni assurde, per esempio quella secondo cui il blitz sarebbe stato seguito da un esperto, o l’idea che le stesse antichissime Linee sarebbero «un simbolo del cambiamento climatico perché la civiltà Nazca scomparve per il climate change».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Se siete appassionati di motori e curiosare tra le anteprime – ne sono state annunciate ben 150 – è sicura fonte di piacere, il momento è (quasi) arrivato. Cominciate a cerchiare in agenda una data compresa tra il 9 e il 12 novembre (il 7 e l’8 sono giornate dedicate a operatori e stampa) e […]

L'articolo EICMA 2017, cosa c’è da fare e vedere proviene da RED Live.

Audi accelera sulla strada dell’elettrificazione della gamma. Dopo la presentazione della nuova A8, proposta al lancio nelle configurazioni V6 3.0 TFSI e TDI “mild hybrid”, vale a dire con impianto elettrico a 48 volt, ora anche le famiglie A4 e A5 beneficiano d’inedite motorizzazioni mHEV che portano in dote tutti i vantaggi fiscali e di […]

L'articolo Audi A4 e A5, è tempo di micro ibrido proviene da RED Live.

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download