Google+

Apprendistato “alla tedesca” per i giovani studenti italiani? Qualcosa si muove. Ma non per tutti

aprile 9, 2014 Matteo Rigamonti

In dirittura di arrivo un decreto dei ministeri del Lavoro, dell’Istruzione e dell’Economia che consentirà agli alunni delle scuole secondarie di secondo grado di cominciare a lavorare durante l’ultimo biennio di studio. Liceali esclusi

Studenti-apprendisti già all’ultimo anno delle superiori. Eccezion fatta che per i liceali. Stando a quanto anticipato da ItaliaOggi martedì 8 aprile, «l’esperienza in azienda, da appannaggio quasi esclusivo degli istituti professionali, sarà generalizzata a tutte le superiori». O quasi. Già, perché per i licei, invece, potrebbe non essere così.
Secondo il quotidiano giuridico-economico, è alla firma dei ministri dell’Istruzione Stefania Giannini, del lavoro Giuliano Poletti e dell’economia Pier Carlo Padoan, un decreto «che innova il tradizionale rapporto formazione-lavoro», consentendo, «con un vero contratto di apprendistato per i giovani», di svolgere «fino al 35 per cento dell’orario annuale delle lezioni» in azienda. Che corrisponderebbero a circa 11 settimane sulle 33 che compongono un anno scolastico. Trecentoquarantasei ore sulle quasi mille totali. Pari, di fatto, a due giorni di scuola la settimana. La novità riguarderà, in via sperimentale e per tre anni, «l’ultimo biennio delle superiori, a partire già dal prossimo settembre».

FORMAZIONE IN AZIENDA. Il ministero del Lavoro, interpellato da tempi.it, conferma che «la notizia è corretta» e spiega che il «decreto sarebbe attuazione all’articolo 8-bis del decreto legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito con modificazioni dalla legge di conversione 8 novembre 2013, n. 128, che prevede l’avvio di un “programma sperimentale per lo svolgimento di periodi di formazione in azienda per gli studenti degli ultimi due anni delle scuole secondarie di secondo grado per il triennio 2014-2016”». Una sperimentazione, dunque, «finalizzata alla realizzazione di percorsi di istruzione e formazione che consentano contestualmente allo studente di conseguire un diploma di istruzione secondaria superiore e, attraverso l’apprendistato, di inserirsi stabilmente e in un contesto aziendale di lavoro».
Il che potrebbe rivelarsi cosa assai buona, se è vero, come ha previsto il governo italiano nel Def, che la disoccupazione non è destinata a calare sotto il 12 per cento prima del 2017. E che, come ha spiegato in una recente videointervista al Corriere.it Roger Abravanel, per oltre trent’anni manager in McKinsey e già membro del cda di Luxottica, «le imprese non assumono i giovani italiani che escono dalle nostre scuole e università perché non sono preparati, escono troppo tardi e non sanno cosa vuol dire lavorare e impegnarsi duramente». Anche «quelli che si laureano nelle cosiddette “top universities”». «L’apprendistato “all’italiana”», inoltre, almeno così come oggi è configurato, ha aggiunto Abravanel, «non c’entra niente con quello “alla tedesca”, che comincia molto prima, a 14, 15, 16 anni, e grazie al quale uno studente può studiare sei mesi e lavorare sei mesi, negli istituti professionali, ma anche nei licei».

I LICEI ESCLUSI. A frenare per il momento gli entusiasmi sul decreto in dirittura di arrivo sono alcuni punti che necessitano inevitabilmente di chiarimenti da parte del governo. Anzitutto il fatto che, come scrive ItaliaOggi, «l’operazione dovrà essere a costo zero» e che resta da spiegare come un simile “monte ore” di lavoro possa conciliarsi con la scuola italiana così come oggi è configurata. Sul punto, in particolare, spetteranno al ministro Giannini eventuali chiarimenti. Sono, inoltre, «prevedibili gli scogli di natura sindacale: viene facile l’idea che con la formazione in azienda si possa ridurre l’organico dei docenti». Le modalità di attuazione dei contratti di apprendistato, infine, dovranno essere stabilite dalle direzioni scolastiche regionali e le direzioni del lavoro, al fine di stabilire il percorso formativo del giovane.
Quello che è certo, per ora, è che le aziende che intendono candidarsi, sia pubbliche sia private, dovranno sottoscrivere una convenzione; avere tutti i requisiti per concorrere a un appalto pubblico, essere in grado di accogliere gli studenti ed avere già un’esperienza nella formazione di apprendisti in merito ai profili corrispondenti all’indirizzo. «Paletti che – spiega sempre ItaliaOggi – di fatto tengono fuori i licei dall’operazione».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Antonio scrive:

    le solite stronzate riservate alla solita “elite” di secchioni e super-mega-ultra brillanti. Così anche i promotori si fanno belli e si atteggiano ad innovatori. Applausi, articoli roboanti sui media, complimenti ed ipocrisia a valanga.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana