Google+

Apprendistato “alla tedesca” per i giovani studenti italiani? Qualcosa si muove. Ma non per tutti

aprile 9, 2014 Matteo Rigamonti

In dirittura di arrivo un decreto dei ministeri del Lavoro, dell’Istruzione e dell’Economia che consentirà agli alunni delle scuole secondarie di secondo grado di cominciare a lavorare durante l’ultimo biennio di studio. Liceali esclusi

Studenti-apprendisti già all’ultimo anno delle superiori. Eccezion fatta che per i liceali. Stando a quanto anticipato da ItaliaOggi martedì 8 aprile, «l’esperienza in azienda, da appannaggio quasi esclusivo degli istituti professionali, sarà generalizzata a tutte le superiori». O quasi. Già, perché per i licei, invece, potrebbe non essere così.
Secondo il quotidiano giuridico-economico, è alla firma dei ministri dell’Istruzione Stefania Giannini, del lavoro Giuliano Poletti e dell’economia Pier Carlo Padoan, un decreto «che innova il tradizionale rapporto formazione-lavoro», consentendo, «con un vero contratto di apprendistato per i giovani», di svolgere «fino al 35 per cento dell’orario annuale delle lezioni» in azienda. Che corrisponderebbero a circa 11 settimane sulle 33 che compongono un anno scolastico. Trecentoquarantasei ore sulle quasi mille totali. Pari, di fatto, a due giorni di scuola la settimana. La novità riguarderà, in via sperimentale e per tre anni, «l’ultimo biennio delle superiori, a partire già dal prossimo settembre».

FORMAZIONE IN AZIENDA. Il ministero del Lavoro, interpellato da tempi.it, conferma che «la notizia è corretta» e spiega che il «decreto sarebbe attuazione all’articolo 8-bis del decreto legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito con modificazioni dalla legge di conversione 8 novembre 2013, n. 128, che prevede l’avvio di un “programma sperimentale per lo svolgimento di periodi di formazione in azienda per gli studenti degli ultimi due anni delle scuole secondarie di secondo grado per il triennio 2014-2016”». Una sperimentazione, dunque, «finalizzata alla realizzazione di percorsi di istruzione e formazione che consentano contestualmente allo studente di conseguire un diploma di istruzione secondaria superiore e, attraverso l’apprendistato, di inserirsi stabilmente e in un contesto aziendale di lavoro».
Il che potrebbe rivelarsi cosa assai buona, se è vero, come ha previsto il governo italiano nel Def, che la disoccupazione non è destinata a calare sotto il 12 per cento prima del 2017. E che, come ha spiegato in una recente videointervista al Corriere.it Roger Abravanel, per oltre trent’anni manager in McKinsey e già membro del cda di Luxottica, «le imprese non assumono i giovani italiani che escono dalle nostre scuole e università perché non sono preparati, escono troppo tardi e non sanno cosa vuol dire lavorare e impegnarsi duramente». Anche «quelli che si laureano nelle cosiddette “top universities”». «L’apprendistato “all’italiana”», inoltre, almeno così come oggi è configurato, ha aggiunto Abravanel, «non c’entra niente con quello “alla tedesca”, che comincia molto prima, a 14, 15, 16 anni, e grazie al quale uno studente può studiare sei mesi e lavorare sei mesi, negli istituti professionali, ma anche nei licei».

I LICEI ESCLUSI. A frenare per il momento gli entusiasmi sul decreto in dirittura di arrivo sono alcuni punti che necessitano inevitabilmente di chiarimenti da parte del governo. Anzitutto il fatto che, come scrive ItaliaOggi, «l’operazione dovrà essere a costo zero» e che resta da spiegare come un simile “monte ore” di lavoro possa conciliarsi con la scuola italiana così come oggi è configurata. Sul punto, in particolare, spetteranno al ministro Giannini eventuali chiarimenti. Sono, inoltre, «prevedibili gli scogli di natura sindacale: viene facile l’idea che con la formazione in azienda si possa ridurre l’organico dei docenti». Le modalità di attuazione dei contratti di apprendistato, infine, dovranno essere stabilite dalle direzioni scolastiche regionali e le direzioni del lavoro, al fine di stabilire il percorso formativo del giovane.
Quello che è certo, per ora, è che le aziende che intendono candidarsi, sia pubbliche sia private, dovranno sottoscrivere una convenzione; avere tutti i requisiti per concorrere a un appalto pubblico, essere in grado di accogliere gli studenti ed avere già un’esperienza nella formazione di apprendisti in merito ai profili corrispondenti all’indirizzo. «Paletti che – spiega sempre ItaliaOggi – di fatto tengono fuori i licei dall’operazione».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Antonio scrive:

    le solite stronzate riservate alla solita “elite” di secchioni e super-mega-ultra brillanti. Così anche i promotori si fanno belli e si atteggiano ad innovatori. Applausi, articoli roboanti sui media, complimenti ed ipocrisia a valanga.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nel mondo delle supercar c’è grande fermento per l’imminente debutto della Aston Martin Valkyrie e della Mercedes-AMG Project One, “parenti strette” delle vetture da Formula 1. Auto che, però, vuoi per il frazionamento dei propulsori, vuoi per alcune soluzioni telaistiche, non attingono tanto profondamente quanto affermato nei proclami alla tecnologia delle monoposto. Diversamente da quanto […]

L'articolo Ferrari F50: la Formula 1 sono io proviene da RED Live.

Ha riconquistato ciò che un tempo era già suo. La Honda Civic Type R di nuova generazione è tornata al Nürburgring, riprendendosi il record per le vetture a trazione anteriore. Del resto, quello che altri chiamano “l’Inferno verde”, vale a dire la mitica Nordschleife – in tedesco l’anello nord – pista di 20,8 km entrata […]

L'articolo Honda Civic Type R MY17: Regina del Ring proviene da RED Live.

Cittadino, fuoristradista, “agonista”, pratico o “alieno”. Cinque modi d’essere automobilista. Cinque modi d’interpretare SUV e crossover. Ecco 20 modelli che soddisfano ogni gusto e desiderio.

L'articolo SUV e crossover compatte: ecco le migliori 25 proviene da RED Live.

Ebbene sì, è accaduto. Anche il Giaguaro si è spuntato le unghie ed è sceso a compromessi con il downsizing. La rinnovata sportiva F-Type, disponibile in configurazione sia Coupé sia Convertible, verrà dotata di un “piccolo” 4 cilindri 2.0 turbo da 300 cv, destinato ad affiancare i confermati V6 e V8 Supercharged. Turbina twin-scroll Pietra […]

L'articolo Jaguar F-Type 2.0T: la prima volta del 4 cilindri proviene da RED Live.

In mezzo a tante amenità con gli occhi a mandorla, al Salone di Shanghai si possono ammirare anche alcune autentiche perle. Tra queste merita una menzione speciale l’Aston Martin Vantage S Great Britain Edition, una serie speciale tirata in soli cinque esemplari destinati proprio al mercato cinese. Ciascuno sarà venduto a 236.000 sterline, pari a […]

L'articolo Aston Martin Vantage S Great Britain Edition proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana