Google+

Up! Andate a vederlo

febbraio 23, 2012 Simone Fortunato

Un’ultima meravigliosa creatura di quei geni della Pixar. Dire film è forse troppo poco e capolavoro è ormai un termine abusato dopo aver assistito a quei capolavori recentissimi che sono stati Ratatouille e Wall-E.

 

Un’ultima meravigliosa creatura di quei geni della Pixar. Dire film è forse troppo poco e capolavoro è ormai un termine abusato dopo aver assistito a quei capolavori recentissimi che sono stati Ratatouille e Wall-E. In una casa vuota, scura, circondata da scavi mostruosi di una città in fieri, vive il vecchio Carl, burbero venditore di palloncini, indurito dalla vita e dal dolore, prigioniero di una casa dei ricordi dove tutto è immagine di lei che non c’è più, aggrappato a un album di foto sbiadite, lo sguardo rivolto a un cielo che tanto aveva promesso un tempo e oggi appare così vuoto. Almeno fino a quando non irrompe la divertita imboscata del destino, ormai caratteristica delle pellicole della Pixar. È con una nota malinconica che prende le mosse il film di Pete Docter, già regista dello splendido Monsters&Co e qui capace di superarsi.
In una sequenza di una manciata di minuti che già sono entrati nella storia del cinema, il regista e il suo montatore raccontano i tanti anni della vita di Carl: lo stupore di questo bimbetto taciturno al cinema a vedere le avventure del suo eroe, l’amicizia con Ellie, la bambina sdentata che poi diventerà sua moglie. Le promesse e le avventure del matrimonio. Perché sono sempre stati insieme Carl ed Ellie e si sono voluti un bene dell’anima, anche quando le cose andavano storte e il loro agognato viaggio in Sud America andava a farsi benedire: perché si spaccava la macchina, ci si rompeva la gamba o ci si ritrovava il tetto sconquassato. Sempre insieme, con lo sguardo nel cielo a riconoscere nelle nuvole le forme più strane. Gli animali più esotici, un elefantino, un bimbetto, tanti bimbetti. Un cielo pieno di bimbi. Sempre insieme, anche di fronte a tutti quei bimbetti che dal cielo non se ne volevano scendere in quel lettino blu allestito con tanto amore.
Il racconto che arriva fino alla vecchiaia e alla morte di Ellie è portato avanti alla maniera del cinema muto con il solo commento musicale, con una straordinaria capacità sintetica e un’intelligenza rara nel raccontare la vita, senza un’ombra di sentimentalismo eppure intriso di fiducia se non di speranza. Sogni, speranze, dolori, morte. È forse proprio questo il punto di forza del “metodo Pixar”: raccontare tutta la realtà con un occhio al pubblico bambino e un altro al pubblico adulto.

L’attesa e il sogno americano
Ecco, Up, che in Italia esce il 15 ottobre, è forse il film che più di ogni altro celebra la trasformazione del sogno americano in attesa, attesa di qualcuno. Un’attesa – a volte piena di stupore, a volte più imbronciata – che la realtà ripaga sempre, anche se in modi misteriosi. Di sicuro uno di quei modi è Russel, il bimbetto esploratore che il vecchio Carl si trova un giorno tra i piedi e con cui inizierà un viaggio incredibile, sospeso letteralmente tra cielo e terra, poetico già nella forma, ricco di una simbologia semplice e senza fronzoli, fino ad arrivare a uno dei finali più commoventi della storia del cinema. Strepitoso da un punto di vista tecnico, Up, almeno fino al prossimo film Pixar, è l’ultima frontiera delle possibilità cinematografiche: è un film modernissimo eppure antico e controcorrente. È un film con delle avventure che nemmeno Indiana Jones ma il protagonista è un vecchio che fa fatica a muoversi; è un film che fa piangere e ridere al tempo stesso senza mai essere ricattatorio; è un film per bambini in cui gli animali sono veri animali che fanno anche un po’ paura e in cui non mancano il sangue e la morte. Soprattutto è un film in cui parole come ottimismo, sogno, solidarietà sono trasfigurate nell’unica parola di cui il cinema, con i suoi addetti ai lavori e tutto il suo pubblico, tramortito da centinaia di film zozzi, ha davvero bisogno. La parola speranza.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Kitty Bede says:

    I just want to mention I’m beginner to blogging and truly liked this web page. Very likely I’m want to bookmark your site . You definitely come with exceptional article content. With thanks for revealing your website.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

“Voglio una sedia a sdraio sotto un ombrellone. Con quattro ruote, capace di portare due contadini e le loro mercanzie nel massimo della sicurezza e del comfort. Deve costare poco ed essere riparabile coi ferri con cui si aggiusta il trattore. Deve consumare non più di quattro litri per cento chilometri, essere facile da guidare […]

L'articolo Citroën 2CV Soleil, viaggio nel tempo proviene da RED Live.

Permette di registrare tragitti, monitorare lo stato del manto stradale, analizzare e condividere con altri appassionati informazioni e dati. Si scarica gratuitamente da Apple Store e Google Play

L'articolo Sicurezza in moto? Arriva Moto App proviene da RED Live.

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.