Google+

«America e Inghilterra: sta per arrivare la vostra ora». Le minacce dei jihadisti inglesi che combattono in Siria Video

novembre 14, 2013 Leone Grotti

Vice News realizza un reportage dalla Siria e intervista i giovani inglesi entrati nel paese per schierarsi con Al Qaeda: «Sono qui solo per Allah e per il jihad», racconta uno di loro

«America, ti dico che sta per arrivare la tua ora. Ti faremo sanguinare fino alla morte e, inshallah (a Dio piacendo, ndr), isseremo la bandiera del jihad sulla Casa Bianca». Queste non sono le parole di un talebano o di un siriano che combatte per Al Qaeda, ma di un ragazzo inglese di 26 anni che ha deciso di andare in Siria per combattere il jihad con lo Stato islamico dell’Iraq e del Levante.

IL REPORTAGE. La sua testimonianza, insieme a quelle di altri occidentali e non, è stata raccolta da Vice News, che ha realizzato un filmato e un reportage dalle zone controllate dai ribelli, confermando la preoccupazione espressa pochi giorni fa da Andrew Parker, direttore generale dell’intelligence inglese: «Una parte sempre maggiore del nostro lavoro è legata alla Siria, soprattutto per quanto riguarda quelle persone britanniche che sono andate là a combattere (…) con Al Qaeda».

 «SONO QUI SOLO PER ALLAH». «Vengo dall’Inghilterra e sono qui per aiutare i musulmani a combattere il jihad e a issare la bandiera di Allah – spiega un giovane inglese nel video – Sono contento di essere qui a combattere per Allah, sono qui solo per Allah». Secondo l’intelligence britannica, sono almeno 100 i cittadini inglesi arrivati in Siria per combattere con lo Stato islamico dell’Iraq e del Levante o con Jabhat Al Nusra, birgate legate ad Al Qaeda.

«DALLA FRANCIA PER IL JIHAD». «Sono inglese e voglio mandare un messaggio ai cittadini inglesi – afferma un altro – Voi siete il popolo e potete cacciare il vostro governo, che commette crimini nel mondo. Ma la colpa è vostra perché voi avete il potere di cacciarli. Quindi dobbiamo combattere e noi siamo qui per proteggere le nostre donne e i nostri bambini, come comanda l’islam». I giornalisti di Vice News incontrano anche un francese che non parla arabo ma che afferma in inglese: «Vengo dalla Francia. Perché sono qui? – ride – Per il jihad».

«INGLESI, SIETE I PROSSIMI». I guerriglieri di Al Qaeda negano di aver compiuto massacri contro donne, vecchi e bambini nella provincia di Latakia in diversi villaggi alawiti, dove come riportato da Human Rights Watch hanno ucciso almeno 190 persone. Negano anche di aver mai abusato delle cosiddette «jihadiste del sesso», nonostante molte donne abbiano raccontato di essere andate in Siria per «dare sollievo» a centinaia di mujaheddin. Piuttosto, afferma un combattente in arabo, «con quest’arma scriveremo la storia del nuovo Califfato islamico, con quest’arma rimuoveremo tutti i tiranni e da questa terra marceremo sulla moschea di Al Aqsa a Gerusalemme».
Conclude un altro ragazzo inglese: «Voglio ancora dire al popolo britannico: dov’è la democrazia? Dov’è la libertà di parola? Dite che aiutate il popolo siriano ma noi non vediamo questi aiuti. Con queste armi noi riporteremo l’onore dell’islam a Gerusalemme, in tutto il mondo e i prossimi saranno gli inglesi, a Dio piacendo».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. lau scrive:

    incommentabile !

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana