Google+

Amanda Knox, in onda stasera il film “incompleto” sul delitto di Perugia

dicembre 3, 2012 Paola D'Antuono

Prodotto in America, il tv-movie racconta l’omicidio di Meredith Kercher e la condanna in primo grado di Sollecito e Knox. I due sono stati assolti dal reato in secondo grado nell’ottobre 2011, qualche mese dopo l’uscita del film.

Questa sera alle 21.10 circa Canale 5 trasmetterà il film per la tv Amanda Knox. La pellicola, prodotta dall’americana MyLifetime, è andata in onda lo scorso anno negli Usa, senza lasciare il segno tra gli spettatori, che in meno di 3 milioni si sono seduti sul divano per conoscere le controverse vicende giudiziarie che hanno portato all’arresto Amanda Knox e Raffaele Sollecito, i due ex fidanzati accusati dell’omicidio di Meredith Kercher, la studentessa straniera trovata morta nella casa di Perugia in cui viveva, nel 2007.

PERCHE’ ORA? A interpretare Amanda Knox  c’è la starlette Hayden Panettiere, mentre i panni di Raffaele Sollecito sono indossati da un altro semisconosciuto attore, Paolo Romio. Il film è stato realizzato e mandato in onda prima che Amanda e Raffaele fossero scarcerati in seguito alla sentenza in secondo grado, del 3 ottobre 2011, che li assolveva dall’accusa di omicidio, condannando la sola Amanda a tre anni di reclusione per calunnia, anni già scontati in carcere. Il film, invece, ricostruisce i fatti solo sino al 2010, quando i due presunti assassini stanno scontando la loro condanna dopo la sentenza di primo grado, che li riconosce colpevoli dell’omicidio di Meredith e condanna Amanda a 26 anni e Raffaele a 25 anni. Lecito domandarsi allora perché Mediaset abbia deciso di mandare in onda il film per la tv, che mostra una storia che si è conclusa in altro modo. Amanda Knox, dopo aver visionato la pellicola, che la mostra cinica e spietata ed è chiaramente colpevolista, ha diffidato Mediaset dalla messa in onda.

LA VITTIMA. Anche i genitori della vittima del delitto di Perugia, i signori Kercher, ai tempi della prima visione americana avevano pesantemente criticato il film definendolo troppo crudo e criticando la produzione, rea di non aver rispettato le loro volontà: «Mi era stato detto che la bozza originale del film sarebbe arrivata fino al momento dell’omicidio senza mostrarlo al pubblico». Mediaset dal canto suo è decisa a mandare in onda il film, a cui non seguirà nessun dibattito o talk, come invece già successo precedentemente con altre produzioni.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

Al volante della SUV “low cost” che migliora nei contenuti e nella guida mantenendo invariato il prezzo. Dacia ha vinto di nuovo la scommessa e ora offre una Duster più appetibile che mai

L'articolo Prova Dacia Duster 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download