Google+

Al parco con la felpa pro famiglia e anti nozze gay. Fermato. «Tenuta contraria ai buoni costumi»

aprile 5, 2013 Rodolfo Casadei

Era con la famiglia ai giardini del Lussemburgo a Parigi. La gendarmeria lo ha portato al posto di polizia perché indossava un indumento con i simboli della manifestazione contro le nozze gay

A Parigi ci si può baciare in pubblico per strada, come nella famosa foto di Robert Doisneau, si può passeggiare in minigonna ostentando generose scollature, si possono indossare le t-shirt con sopra stampate le più aggressive strofe dei rapper americani o francesi. Ma una cosa proprio non si può fare: passeggiare con la famiglia nei giardini del Lussemburgo indossando una felpa recante il simbolo della manifestazione di protesta contro la legge che istituisce in Francia il matrimonio fra persone dello stesso sesso (ieri in Senato è cominciata la discussione). Cioè i profili stilizzati e rosa di un uomo, una donna e due bambini che si tengono tutti per mano. I gendarmi vi fermeranno e vi porteranno al posto di polizia con l’intenzione di verbalizzare l’infrazione che avete commesso: «Tenuta contraria ai buoni costumi».

È quello che è successo a Parigi il 1° aprile scorso, ma nonostante la data non è uno scherzo, stando a quel che racconta il signor Franck Talleu. Si era recato sul posto con altre famiglie per far divertire i loro bambini con un nascondino a base di uova di Pasqua. Ma prima che potessero iniziare due poliziotti si sarebbero avvicinati e avrebbero intimato all’uomo di rimuovere o coprire la sua felpa, recante uno dei simboli della Manif pour tous, perché «contraria ai buoni costumi» e perché suscettibile di creare controversie e quindi disturbare la quiete del luogo.

Alle proteste del signore i due poliziotti lo invitano a chiarirsi le idee col responsabile del presidio di polizia permanente presente in loco. Lì il capoposto dà vita a un interrogatorio della durata di un’ora che si conclude con la redazione di un verbale dove l’accusa iniziale viene trasformata in un più sostenibile illecito (in sede di processo) di «organizzazione di una manifestazione ludica nei giardini di Luxembourg senza autorizzazione speciale». Seguirà un processo amministrativo e, in caso di condanna, un’ammenda di importo imprecisato da pagare. Comunque il signor Franck viene rilasciato solo dopo che ha accettato di togliersi la felpa incriminata.

Le Figaro riporta le sue dichiarazioni indignate per quella che definisce «un’enorme farsa», fonte di un «sentimento di esasperazione che cresce» di fronte all’«impedimento sempre più marcato alla libertà d’espressione»: «Se il semplice disegno di una famiglia su una t-shirt è considerato contrario ai buoni costumi, cosa capiterà a una coppia che se ne va per strada tenendosi per mano con un paio di figli? Faranno un verbale anche a loro?».
Franck Talleu, che è direttore delle scuole cattoliche di Soissons, Laon e Sant-Quentin nel dipartimento di Aisne, non lesina sull’enfasi nel suo commento alla vicenda pubblicato su Le Figaro: «Cari padri di famiglia, una nuova resistenza si annuncia: non quella dei combattimenti interminabili nelle trincee per difendere qualche metro di una patria da trasmettere ai figli, e nemmeno quella dei maquis (i partigiani antitedeschi della Seconda guerra mondiale, ndr) da cui si tornava qualche notte scura per abbracciare i nostri cari. No, la resistenza dei mesi a venire è quella dei parchi e dei luoghi pubblici, in famiglia, sotto braccio alla propria moglie, ostentando fieramente la nostra gioia (e le nostre magliette) di vivere un matrimonio felice».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

19 Commenti

  1. Hughes scrive:

    Episodi come questo sono segni di come sia aggressiva e intollerante l’ideologia gay che, lungi dal favorire l’eguaglanza dei diritti, propugna in realtà l’imposizione di un pensiero unico che non tollera dissensi. Le lobby gay spingono ovunque, anche da noi in Italia, per l’approvazione di leggi sempre più stringenti e tese a favorire questo pensiero unico. Ne è esempio la legge sull’omofobia che, grazie a Dio, e’ stata (finora) respinta dal legislatore italiano. Se questa legge, grazie a comunisti e grillini, dovesse essere malauguratamente approvata, non aggiungerebbe un grammo di giustizia alle vittime di odiosi pregiudizi (già sanzionati dalle leggi in vigore) ma avrebbe piuttosto l’effetto immediato di rendere fuorilegge qualunque manifestazione di dissenso rispetto al pensiero propugnato dall’ideologia gay. Prepariamoci a resistere a questa deriva nichilista.

  2. alessandro scrive:

    per rispettare le loro libertà ci tolgono la nostra bisogna rispondere e lottare per il bene nostro e dei nostri e loro figli

  3. Francesco scrive:

    “contraria ai buoni costumi”?!?!?!?

    Da quando in qua gli omosessualisti sono dei Catoni attenti alla preservazione del mos maiorum?

  4. Quercia scrive:

    Ma la notizia è confermata?

    Se si, siamo all’assurdo. E faccio notare il silenzio generale dei giornaloni. Sarebbe successo lo stesso se il motivo dell’arresto fosse stata una felpa con stilizzati 2 persone dello stesso sesso che si tengono per mano? secondo me i media “progressisti” c’avrebbero fatto un titoletto, o forse qualcosa in più….

  5. Paolo scrive:

    “moglie, ostentando fieramente la nostra gioia (e le nostre magliette) di vivere un matrimonio felice”…è questo da al Sig. In questione, direttore di scuole cattoliche, il diritto di negarlo ad altri? Assolutamente no.

  6. Enrico scrive:

    Qualcuno, o a nche Tempi, è in grado di diffondere in tutta Europa e oltre questa maglietta? Va bene anche se fatta in Italia.

  7. gianluca s. scrive:

    Il padre in questione è veramente trasgressivo, ma non per la felpa. Osa presentarsi con moglie e figli per giocare ai giardinetti! Lo vada a spiegare alla scuola elementare che in una città italiana ha abolito la “festa del papà” in nome di una generica festa delle famiglie, per non discriminare..
    Mi chiedo se i zelanti poliziotti francesi- che si ispirano a ciò che viene dall’Eliseo, ora che l’idiozia ideologica è lì di casa – abbiano cominciato a dare la caccia anche ai dizionari, oltre che alle felpe.
    Meglio non mostrare loro, ad es, il Cambridge English Dictionary, che ancora definisce il matrimonio come il legame stabile “between a man and a woman”. Al macero..

  8. Monica Laurenti scrive:

    Se la trovo la compro….. anzi ne compro 3 visto che siamo 3 in famiglia!

  9. angelo41 scrive:

    Paradossale, incredibile, non ci posso credere! In Francia stanno peggio di noi. C’è sempre qualcuno che sta peggio del peggio.

  10. donatella da corte scrive:

    Amici: la stessa resistenza la dovremo fare anche qui in Italia!
    Dove si comprano ‘ste felpe? A casa mia siamo in 6: si può avere lo sconto?
    grazie.

La rassegna stampa di Tempi
Pellegrinaggio iStoria-Tempi in Terra Santa

Tempi Motori – a cura di Red Live

Disponibile in oltre 60 città italiane e 300 europee permette di gestire tutte le operazioni relative alla sosta, pagamento compreso.

Una rassegna espositiva racconta gli straordinari artigiani che nel ‘900 fecero della bicicletta un'opera d’arte, i grandi giornalisti che contribuirono alla nascita del giornalismo sportivo, i personaggi che lanciarono le due ruote e gli eroi del pedale che ne immortalarono il mito.

Il restyling della cinque porte bavarese porta in dote un aggiornamento della connettività e dei servizi d’infotainment sulla falsariga di quanto introdotto dalla nuova Serie 3. Gamma motori da 150 a 326 cv e consumi ridotti del 14% rispetto al passato.

Il prezzo d’attacco è prossimo a 10.000 euro, ma non per questo sono una scelta povera. Ecco una guida alle utilitarie più economiche, performanti e meglio accessoriate.

Le concept che anticipano l’erede della mitica Alpine A110 saranno protagoniste del Festival di Goodwood, affiancate da modelli celebri che hanno scritto la storia della Casa di Dieppe. L’unveiling della nuova berlinetta è atteso a fine 2016.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana