Google+

«Abbiamo convertito le ragazze di Chibok. Ora odiano i loro genitori e sono pronte a sgozzarli»

febbraio 13, 2015 Leone Grotti

Nigeria. Tre ragazze rapite da Boko Haram e poi scappate raccontano che cosa i jihadisti dicevano loro delle 276 studentesse sequestrate ad aprile: «Sono felicemente sposate»

shekau-nigeria-baga-boko-haramLe 276 ragazze rapite da Boko Haram a Chibok la notte del 14 aprile sembrano essere sempre nella mente dei jihadisti. All’alba di un’offensiva da parte dell’esercito nigeriano (partirà il 14 febbraio), che ha promesso di sradicare i terroristi dal nord del paese in sei settimane, tre ragazze intervistate dall’Associated Press, rapite a loro volta dagli islamisti e poi scappate, raccontano come i Boko Haram non facciano altro che parlare delle studentesse di Chibok.

FRUSTATE. Abigail John, 15 anni, ha passato un mese nelle mani di Boko Haram. «Mi dicevano che le ragazze di Chibok avevano cominciato una nuova vita, imparando a combattere. Insistevano che anche noi saremmo dovute diventare come loro e accettare l’islam». John non sa se i jihadisti le dicessero la verità o, come è probabile, parlassero così solo per spaventarla o per farsi propaganda: «Si divertivano a raccontare come le frustavano e le picchiavano fino a quando non cedevano».

CONVERTITE ALL’ISLAM. John è riuscita a scappare quando l’esercito nigeriano ha riconquistato la città dov’era detenuta. Ora vive in un campo per rifugiati a Yola, insieme al padre e ai suoi sette fratelli. Dorcas Aiden, 20 anni, è stata rapita da Boko Haram e portata nella città di Gulak. Chiusa in una casa con altre 50 ragazze, veniva picchiata se si rifiutava di studiare il Corano o di recitare le preghiere islamiche. Cristiana come la maggior parte delle ragazze di Chibok – come confermato a tempi.it dall’arcivescovo di Abuja, John Onaiyekan – Aiden è stata costretta a convertirsi all’islam e ad abbandonare la sua fede cristiana. Anche se, precisa, l’ha fatto solo per finta.

ragazze-rapite-nigeria-chibok-boko-haramADDESTRATE ALLA GUERRA. Un giorno i terroristi sono entrati nella stanza dove la tenevano rinchiusa e le hanno mostrato un video delle ragazze di Chibok avvolte in pesanti hijab. «Si vedevano solo i loro occhi, io sono scoppiata a piangere», ricorda Aiden. Poi hanno aggiunto che le ragazze erano state tutte convertite all’islam e che le stavano addestrando per combattere contro altre donne. «Poi – continua – uno di loro mi ha detto che voleva sposarmi e io gli ho risposto che non l’avrei fatto. Allora lui mi ha minacciata con una pistola», ricordandole che tutte le ragazze di Chibok erano state sposate ai combattenti.

SPOSATE A FORZA. Scappata dopo due settimane di prigionia, approfittando della distrazione dei suoi aguzzini, Aiden si trova ora a Yola, ma ricorda che nel suo villaggio c’erano dieci case piene di persone sequestrate, sia uomini che donne. Una terza ragazza di 16 anni, che non ha voluto rivelare il suo nome e che ore dorme dentro una chiesa cattolica di Yola, è stata nelle mani di Boko Haram per quattro mesi, prima di riuscire a scappare in gennaio. Spiega che nessuna delle ragazze con cui si trovava è stata violentata, perché le volevano vergini fino al matrimonio.

«PRONTE A SGOZZARLI». La 16enne doveva essere sposata a un uomo soprannominato “l’arabo alto” e quando li ha implorati, affermando di essere troppo giovane, le è stato risposto: «Tu pensi di essere migliore delle ragazze di Chibok che abbiamo rapito? Ora loro sono felici da sposate e odiano i loro genitori: sono pronte a sgozzarli se li rivedono». Molte di loro però non rivedranno mai i genitori. Se 57 ragazze sono riuscite a scappare e tornare a casa, 13 sono sicuramente morte secondo alcune testimonianze. Delle altre invece non si sa ancora nulla.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Daniele Arboscelli says:

    Se addestrano al combattimento e danno armi a gente che hanno rapito e sottomesso, non sono proprio delle gran volpi…

    • Menelik says:

      Quelle giovani donne non hanno alternativa: o farsi sgozzare o fare quello che le comandano i loro padroni.

  2. Menelik says:

    Il governo nigeriano ha affermato che a marzo partirà un’offensiva che in pochi mesi porterà alla terminazione del problema boko haram.
    Io gli auguro di riuscire nei suoi intenti, ma è già partito col piede sbagliato.
    Prima la cosa si fa in silenzio e cercando di sfruttare al massimo l’effetto sorpresa, poi si strombazza la cosa ai quattro venti, perché se non riesce fa la figura da incapace e finisce di minare il morale della nazione, se ancora di nazione si può parlare.
    Specialmente con le elezioni in vista.

  3. Ellas says:

    Non andiamo bene: anche se partisse ora il governo nigeriano (e dubito: sono così corrotti i governi afro), sarebbe un po’ tardi, dato che Boko haram da addosso dal 2001. Che ha fatto finora? E l’ONU dov’era?

    Daniele, sta gente non ha paura di morire. A meno che non sia una donna a falciarlo.

    Comunque sono dei gran bugiardi senza rispetto alcuno, i jiadisti.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.