Google+

Vatileaks 3. Burke: «Su Orlandi documento ridicolo. Da quando un falso può essere vero?»

settembre 20, 2017 Caterina Giojelli

Intervista a Greg Burke, direttore della Sala Stampa della Santa Sede. Le carte pubblicate da Fittipaldi sono un «falso fin dalla prima riga»

NUOVO DOSSIER SULLA ORLANDI, PER IL VATICANO 'CARTE FALSE'

«Falso e ridicolo, lo abbiamo già detto e ribadito in un comunicato il giorno in cui i due quotidiani hanno pubblicato questo presunto “documento”, non c’è niente da aggiungere. Siamo arrivati a un livello bassissimo di giornalismo dove il vero o il falso non sono più importanti: se il documento è falso, è falso, mi pare essenziale». Il documento “patacca” è quello pubblicato lunedì scorso da repubblica.it come anticipazione del nuovo libro Gli impostori del giornalista dell’Espresso Emiliano Fittipaldi, lo stesso estratto riportato dall’edizione cartacea del Corriere della Sera.

«FALSO E RIDICOLO». «Falso e ridicolo fin dalla prima riga in cui si cita una “prefettura” dell’Apsa (Amministrazione patrimonio della santa sede, ndr), che non esiste», ribadisce a tempi.it Greg Burke, direttore della Sala Stampa della Santa Sede riferendosi a questa carta consegnata a Fittipaldi da una fonte in un bar del centro di Roma e titolata “Resoconto sommario delle spese sostenute dallo Stato Città del Vaticano per le attività relative alla cittadina Emanuela Orlandi (Roma 14 gennaio 1968)”. Una sorta di nota-spese (quasi 500 milioni di lire, sprovvista di fatture o giustificativi) relativa agli anni 1983-1997 che vorrebbe attestare i costi della gestione del rapimento di Emanuela Orlandi, ripartiti in voci quali “allontanamento domiciliare” o “attività investigativa relativa al depistaggio”.

GLI ERRORI. Pur propendendo egli stesso per la farloccaggine dell’incartamento, Fittipaldi dichiara che si tratta di un «documento ben fatto, fosse un falso non ho mai visto un falso di questo tipo», «se è un falso è un falso di un interno che conosce bene questa vicenda». Ma che evidentemente non conosce l’”ecclesialese”: come ha spiegato il vaticanista Andrea Tornielli su Vatican Insider, si tratta di «un documento su carta semplice, senza intestazioni ufficiali, né timbri né firme manoscritte», a redigerlo sarebbe stato il cardinal Lorenzo Antonetti, presidente Apsa, indirizzandolo a «Sua Riverita Eccellenza» (anziché «Sua Eccellenza Reverendissima») i cardinali Giovanni Battista Re, allora Sostituto della Segreteria di Stato, e Jean Luis Tauran, peccato che il nome dell’allora “ministro degli Esteri” vaticano sia Louis. Il veterano della diplomazia curiale e già nunzio a Parigi «avrebbe dimenticato il francese?», chiede Tornielli, aggiungendo: «Per quale motivo nel 1998, con un’inchiesta della magistratura romana ancora in corso, i vertici della Santa Sede coinvolti (in questo caso la Segreteria di Stato) avrebbe chiesto all’Apsa un rendiconto completo delle spese dell’operazione, con fatture e pezze d’appoggio senza nomi in codice, aumentando così il numero delle persone informate sui fatti e le possibili fughe di notizie?». E ancora, «per quale motivo la Segreteria di Stato avrebbe gestito un’operazione del genere usando l’Apsa come ente pagatore, e non utilizzando invece i fondi riservati (Fondo Paolo VI) a sua disposizione per le emergenze?».

VATILEAKS 3? Resta il fatto, ed è la tesi di Fittipaldi, che il “documento” merita delle risposte in quanto proviene dall’archivio di monsignor Lucio Vallejo Balda, già segretario della Prefettura per gli Affari economici della Santa Sede e imputato di Vatileaks 2, processo seguito alla pubblicazione di due libri contenenti le carte top secret della commissione Cosea di cui era segretario: Via Crucis di Gianluigi Nuzzi, e Avarizia, appunto, di Fittipaldi, imputati nello stesso processo. «Il Vaticano ha fatto un passo avanti: se il giornalismo viene fatto rispettando tutte le regole deontologiche e ovviamente le notizie sono vere questo non può che essere l’esito», «è un giorno importante per tutta la comunità dei giornalisti», aveva commentato Fittipaldi il giorno del loro proscioglimento. Lo stesso Fittipaldi che intervistato da askanews sul documento ammonisce: «Vero o falso che sia secondo me dà inizio a una nuova stagione di fughe di documenti riservati, è un Vatileaks 3».
«Ma chi lo dice? – commenta Burke a tempi.it –. Anche questa è una novità del giornalismo, dove il falso assume importanza e ha pure una presunzione di verità». Della verità sul mistero mai chiarito di Emanuela Orlandi per ora non resta quindi che un presunto documento, un giornalismo a caccia di verità accreditate su carteggi plausibilmente falsi e depistanti, e il riacuirsi del dolore immenso della famiglia Orlandi, alla quale, afferma Burke citando il comunicato della Santa Sede, «la Segreteria di Stato ribadisce la sua partecipe solidarietà».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

In quattro anni se ne possono preparare tante di novità e i ragazzi californiani non si sono certo risparmiati. A partire dal telaio, che dalla lega di alluminio è passato alla fibra di carbonio, nello specifico UHC Advanced con specifiche Felt, per poter meglio distribuire rigidezza e flex nei punti giusti. NUOVO TELAIO  La fibra […]

L'articolo Felt Compulsion m.y. 2018 proviene da RED Live.

Ispirata dalle moto café racer (e non solo), questa edizione limitata vuole segnare un'epoca. Con una personalizzazione originale e stilosa, sia fuori sia dentro l'abitacolo

L'articolo DS 3 Café Racer, quando la DS suona il rock proviene da RED Live.

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.

La terza generazione della Volkswagen Touareg si butta nella mischia dei SUV premium forte di numerosi accessori hi-tech. Disponibile per ora solo con motore 3.0 V6 TDI, ha prezzi che partono da 61.000 euro

L'articolo Prova Volkswagen Touareg 2018 proviene da RED Live.