Unioni gay. Roccella a Galan: Non è una lotta tra oscurantisti e illuminati, ma una questione antropologica

Lettera della parlamentare Pdl al collega di partito. «Guardi cosa accade in Francia. Oggi è a rischio la stessa possibilità di continuare a utilizzare termini come mamma e papà»

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Eugenia Roccella, parlamentare del Pdl, ha scritto oggi una lettera pubblicata sul Corriere della Sera. Ecco il testo:

Nell’intervista sul Corriere della Sera di ieri, l’onorevole Giancarlo Galan, parlando del suo disegno di legge sulle unioni omoaffettive, chiama in causa me e il senatore Carlo Giovanardi come «la coppia di pasdaran» che vi si oppone, e si chiede per quale motivo l’Italia sia rimasta «l’unico Paese del pianeta in cui ci si pone ancora il problema del voto cattolico».

A Galan suggerirei di gettare uno sguardo alla vicina Francia dove, per non porsi questo futile problema, François Hollande ha visto riempirsi le piazze di folle che manifestavano contro la legge sul matrimonio omosessuale e contro il governo che l’ha emanata. La Francia insegna anche che le unioni civili sono solo un passaggio verso il matrimonio gay. I Pacs, infatti, sono stati varati già nel 1999, e del resto in tutti i Paesi europei dove le unioni civili sono state riconosciute si è passati, in pochi anni, al matrimonio omosessuale.

Non si può liquidare la questione come un banale conflitto fra progressisti illuminati e oscurantisti omofobi. Bisogna riconoscere che è in atto una rivoluzione antropologica che cambia i fondamenti della nostra cultura, destruttura istituzioni millenarie come il matrimonio fra un uomo e una donna, e trasforma radicalmente la genitorialità e la filiazione. Oggi è a rischio la stessa possibilità di continuare a utilizzare termini come mamma e papà, ormai sostituiti in mezza Europa da «genitore uno» e «genitore due». Sarebbe utile aprire un dibattito che tenga conto della complessità della questione e delle sue ricadute sociali, evitando le semplificazioni ideologiche, sempre pericolose per il legislatore.

on. Eugenia Roccella, Pdl

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •