Google+

Un fiotto di umanità inaspettato nella sentina di un ospedale statale

settembre 18, 2017 Luigi Amicone

Come dice Scola, il popolo cristiano «non è più un albero rigoglioso, e tuttavia le sue radici sono ben vive. E finché le radici sono vitali, l’albero può tornare florido». Ecco il tema

ospedale

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Nella morgue dell’ospedale pubblico di Verbania e dalla viva voce di sorella Rita e di suo marito Ermes, lumpenproletariat che per quasi due anni hanno portato sulle spalle la modernamente e borghesemente insopportabile malattia del nostro Anchise, ho avuto apprensione di cose che ascolterò la sera stessa e la mattina successiva da autorevolissimi prelati di Santa Romana Chiesa. Dal cardinale arcivescovo di Milano Angelo Scola, nella sua Messa di commiato da Milano. E dall’arcivescovo di Bologna Matteo Zuppi, nell’omelia per le esequie del suo predecessore cardinale arcivescovo Carlo Caffarra. Già, chi avrebbe mai detto che avremmo trovato in una sala di rianimazione geriatrica l’anestesista laica che condivide la stanchezza di una figlia («e per favore, vada a casa, non la lascio dormire su una sedia, resto qua io»), chiama il prete perché venga impartita l’estrema unzione e lei per prima recita sul morto una preghiera cristiana? Chi avrebbe mai pensato di trovare i paramenti sacri del lutto nella ghiaccia sentina di un ospedale statale?

Dunque, è vero, a ben guardare la faccia anche di un solo spicciolo di quotidianità, non è soltanto la Chiesa milanese che, «al di là di tutte le rilevazioni statistiche, è ancora, nelle sue radici, una Chiesa di popolo»; non è soltanto a un principe della Chiesa cattolica che dobbiamo rendere «grazie per gli infiniti legami di amicizia, coltivati sempre con profondità e intelligenza evangelica, combattendo la battaglia mai contro gli erranti, ma contro gli spiriti del male». È vero che popolo, amicizia, gratitudine per il tanto bene di persone che c’è, non sono l’eccezione.

Eccezionale è l’alluvione di cupo male e cupidigia a cui sta attaccato il discorso pubblico. E si capisce perché. Perché giunto alla fine della propria consunzione, al moderno borghese non rimane altro che indurire nel suo cinismo vagabondo e nel soldo. Non c’è verità. E il più pulito degli esseri umani ha la rogna (vero, però questo si racconta solo degli altri). Rimanete comunque tranquilli al vostro posto di cittadini amministrati da preti-laici e preti-preti. La religione del welfare dei diritti vi fa stare in (relativa) pace, organizzare il week-end, illudere di una pensioncina, assicurarvi l’uscita di scena con tanta dignità (e un po’ di Dio democrat).

«Io sono in mezzo a loro»
Così, noi che siamo veramente i poveri e scriviamo sull’acqua, dobbiamo riconoscere e ringraziare il tenace popolo silenziosamente resistente. Questo popolo italiano. Riconoscerne il battesimo cristiano. E ringraziare perché, se è vero come dice il catechismo che «mediante il Battesimo siamo liberati dal peccato e rigenerati come figli di Dio, diventiamo membra di Cristo; siamo incorporati alla Chiesa e resi partecipi della sua missione», è anche vero che qualcosa di tutto questo ci è rimasto attaccato addosso. E sfida tutto il pieno di cinico e scettico e ricco modernariato borghese. Qualcosa che qui e là, magari senza averne noi cognizione esatta, zampilla fiotti di umanità dal di sotto delle grandi pietre del vuoto, pieno di manufatti e di manodopera, che incessantemente ci schiacciano nel venir su della grande Babele. Torre di una civiltà così organizzata e così alta nei cieli d’Occidente – così organizzata di supremazia tecno-scientifica e così alta nelle sue buone intenzioni di chiesa che va da Che Guevara a Madre Teresa – che non si vede più il panorama della vita quale essa è, propriamente e fragorosamente, nella sua lotta, profondità, grandezza e, tristemente, limite sterminato.

Come ha detto Scola, il popolo cristiano «certo non è più un albero rigoglioso di foglie e di frutti, e tuttavia le sue radici sono ben vive. E finché le radici sono vitali, l’albero può tornare florido». Ecco il tema. Quella radice che c’è, come fa a ritornare albero? Forse dare una mano a costruire scuole, giornali, cultura? Presenza d’ambiente? E addirittura una politica cristiana? D’altronde anche mio padre ci credeva e non ci credeva. «Ma dici davvero che c’è qualcosa? Ma va’ là, c’è niente». Ma va’ là il tuo immaginare. Confessati. La fede ce la si dà. Non è un pensare da buoni borghesi. La fede funziona esattamente come funzionano gli uomini. Si impara facendola insieme. Gesù non ha mai detto che in fondo ai tuoi pensieri o nel predicato della tua coscienza o là dove ci sono i tuoi poveri e migranti, là ci sono io. Gesù ha bensì detto che «dove sono due o tre riuniti nel mio nome, lì sono io in mezzo a loro». Anche in politica deve per forza valere questa parola di Cristo. Perché se non vale nelle cose che più appassionano gli uomini – il denaro e il potere – a che serve il cristianesimo? Agli sfigati? Per tutto questo, insomma, auguriamoci che la sfigata sinistra dello ius soli e del filo-islamismo venga sconfitta. A cominciare dalle prossime elezioni in Sicilia.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

In quattro anni se ne possono preparare tante di novità e i ragazzi californiani non si sono certo risparmiati. A partire dal telaio, che dalla lega di alluminio è passato alla fibra di carbonio, nello specifico UHC Advanced con specifiche Felt, per poter meglio distribuire rigidezza e flex nei punti giusti. NUOVO TELAIO  La fibra […]

L'articolo Felt Compulsion m.y. 2018 proviene da RED Live.

Ispirata dalle moto café racer (e non solo), questa edizione limitata vuole segnare un'epoca. Con una personalizzazione originale e stilosa, sia fuori sia dentro l'abitacolo

L'articolo DS 3 Café Racer, quando la DS suona il rock proviene da RED Live.

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.

La terza generazione della Volkswagen Touareg si butta nella mischia dei SUV premium forte di numerosi accessori hi-tech. Disponibile per ora solo con motore 3.0 V6 TDI, ha prezzi che partono da 61.000 euro

L'articolo Prova Volkswagen Touareg 2018 proviene da RED Live.