«Sparano ancora. Non abbiamo cibo né acqua. Salvateci»

La «tragedia infernale» di Zemio, dove la guerra tra musulmani e milizie di autodifesa è ricominciata più violenta che mai. «L’intera città è bruciata, seppelliamo i morti nelle fosse comuni»

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •