Siria. Ribelli circondano il villaggio cristiano di Mismiyye, dove san Paolo è stato più volte ospitato

Dopo Maloula e Sadad, un terzo villaggio a maggioranza cristiano è in pericolo: «I ribelli attendono rinforzi per prendere la cittadina»

Prima è toccato a Maloula, poi a Sadad, ora a Mismiyye. Un terzo villaggio a maggioranza cristiano in Siria è circondato da giorni dai ribelli, che stanno pianificando un attacco. La cittadina teme ora di subire la stessa persecuzione che hanno patito i cristiani di Maloula e Sadad.

«VILLAGGIO CIRCONDATO». L’allarme è stato lanciato da Le Veilleur de Ninive, sito di informazione realizzato da cristiani che vivono in Siria: «Sembra che le minacce dei takfiri ai villaggi siriani abitati dai cristiani non si fermino: Mismiyye è attualmente circondata dall’Esercito siriano “libero” che attende rinforzi per prendere il villaggio». La cittadina, abitata da circa 2 mila cristiano di rito greco-cattolico, si trova 40 chilometri a sud di Damasco.

SAN PAOLO. Secondo la tradizione religiosa Mismiyye, che significa “città madre”, è stata attraversata da san Paolo mentre si dirigeva a Damasco. Inoltre, i suoi abitanti avrebbero ospitato e protetto più volte l’apostolo delle genti durante il suo soggiorno in Siria dopo la conversione.