Sei milioni di omosessuali in Inghilterra? No, sono 545 mila e Cameron si pente del matrimonio gay: «Tremendo errore»

Una ricerca pubblicata ieri dimostra che il numero degli omosessuali fornito dalle associazioni Lgbt era falso. Il premier inglese, pensando al suo partito spaccato, cambia idea: «Se avessi saputo, non lo avrei fatto»

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il numero delle persone omosessuali in Inghilterra è di gran lunga inferiore a quanto stimato dalle associazioni Lgbt durante il dibattito sull’approvazione del matrimonio gay in Parlamento. I numeri rilanciati allora dal premier David Cameron parlavano di una presenza omosessuale pari al 6% della popolazione, oltre tre milioni di persone, ma secondo la ricerca dell’Office of National Statistics pubblicata ieri gli omosessuali sono 545 mila (1,1%) e i bisessuali 220 mila (0,4%).

CAMERON FA MARCIA INDIETRO. Cameron, che guida il partito conservatore inglese, è riuscito ad approvare il matrimonio gay spaccando la sua stessa maggioranza. A luglio, infatti, metà dei suoi parlamentari ha votato contro la legge, passata ugualmente grazie all’appoggio dei laburisti. Di conseguenza, molti membri del suo partito sono usciti per unirsi al UK Independence Party (Ukip). Sommati i pro e i contro di una decisione che aveva come scopo anche quello di guadagnare voti Cameron ha dichiarato: «Se avessi saputo che sarebbe andata così, non l’avrei fatto».

«TREMENDO ERRORE». La dichiarazione che ha suscitato un mare di polemiche Oltremanica è riportata nel libro “In it together” scritto dal giornalista Matthew d’Ancona. Il premier inglese si è affrettato a smentire tutto alla BBC, dichiarando nel fine settimana: «Non mi pento di nulla, ora l’Inghilterra è un paese con più giustizia e uguaglianza».
Ieri però il Daily Mail ha riportato un’altra battuta analoga di Cameron, raccontata da un politico del suo partito: «Ho fatto un tremendo errore sul matrimonio gay – avrebbe detto – Credo ancora che sia giusto ma non avrei dovuto forzare il Parlamento in quel modo». Commenta il conservatore al giornale inglese: «In pratica ha detto che desiderava non aver mai fatto quello che ha fatto. E neanche noi».

LABURISTI ALL’ATTACCO. Di nuovo un portavoce di Downing Street ha smentito tutto, ricordando che Cameron «crede fermamente nel matrimonio gay», ma nessuno gli ha creduto. Kate Green, ministro ombra per l’Uguaglianza dei socialisti, ha commentato così tutta la vicenda: «Cameron dovrebbe essere fiero di quello che ha fatto. Ma la sua incapacità di guidare i suoi stessi parlamentari mostra la sua debolezza. È scioccante che lui pensi che un passo così importante verso l’uguaglianza sia stato il più grande errore del suo governo».

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •