Google+

«Se suo figlio avesse la Sindrome di Down abortirebbe?»

giugno 25, 2018 Redazione

Dal 2017 il Belgio rimborsa quasi al 100% i test per individuare la Trisomia 21 e il 97% delle donne lo fa. I medici pongono questa domanda alle future madri e il numero di bambini nati è crollato

«Se suo figlio avesse la Sindrome di Down abortirebbe?». È questa la domanda che i medici in Belgio hanno cominciato a fare a tutte le donne incinte dall’1 luglio 2017, da quando cioè lo Stato ha cominciato a rimborsare quasi al 100% i costosissimi Test prenatale non invasivi (Dpni) per individuare nel feto il gene della Trisomia 21.

UNICO PAESE AL MONDO. Secondo un’inchiesta del quotidiano locale Het Belang van Limburg il 97% delle donne si sottopone al test e questi dati inquietano molti medici. «Più si va alla ricerca di anomalie genetiche e più se ne trovano», spiega la ginecologa Caroline Van Holsbeke, secondo cui il test «costa enormemente alla società» e il Belgio è l’unico paese al mondo a rimborsarlo. «Nella maggior parte degli altri paesi solo un piccolo gruppo di persone a rischio hanno diritto al rimborso del test. Alcuni pazienti lo fanno solo per sapere il sesso del nascituro già alla 14esima settimana», con il rischio che poi venga scelta l’interruzione di gravidanza se il sesso non è quello preferito.

DOWN SPARITI. Per Van Holsbeke, in ogni caso, i medici dovrebbero chiedere «vuole fare il test Dpni» e non «abortirebbe se suo figlio fosse Down». Ma la domanda rivela il vero obiettivo dell’operazione: eliminare alla radice la possibilità che nascano bambini affetti da Trisomia 21. Purtroppo, le cifre dicono che funziona. Nelle Fiande nel 2013 sono nati 58 bambini con Sindrome di Down. Nel 2017, meno di 10. Mentre nella città di Limburgo ne è nato solo uno.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.