Google+

Russia: italiani, tornate a investire

luglio 19, 2017 Alessandro Sansoni

Così Mosca spera di innescare tra le imprese del nostro paese una nuova campagna di Russia di tipo capitalista. A suon di agevolazioni e “zone speciali”

Il ministro degli Affari Esteri Angelino Alfano (d) e il vice primo ministro della Federazione Russa Arkady Dvorkovic, durante la conferenza di presentazione sulle opportunita' di investimento in Russia alla Farnesina, Roma, 3 luglio 2017. ANSA/GIORGIO ONORATI

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – La Federazione russa è sempre più interessata ad attrarre investimenti sul suo territorio, piuttosto che importare prodotti. È il messaggio emerso in modo chiaro nel corso dell’importante conferenza bilaterale italo-russa tenutasi presso la Farnesina lo scorso 3 luglio. L’incontro, aperto alle imprese e agli stakeholder interessati, ha visto protagonisti il ministro degli Esteri italiano Angelino Alfano e il vicepremier russo Arkady Dvorkovich, accompagnato
da una folta e qualificata delegazione governativa.

Il 2017 si sta rivelando un anno molto positivo per l’economia russa, a dispetto delle sanzioni. Il prodotto interno lordo sta crescendo a una media più alta di quella mondiale (+1,3 per cento nel primo quadrimestre), dopo un pessimo 2015 (-3 per cento circa) e un 2016 stagnante. Il debito pubblico resta molto basso (15 per cento del Pil), così come il carico fiscale, mentre l’inflazione si è ormai stabilizzata al 4 per cento: un risultato molto positivo per un paese che appena due anni fa registrava un aumento dell’indice dei prezzi al consumo attorno al 16 per cento, in virtù del quale la Banca centrale russa prevede di abbassare significativamente nella seconda metà dell’anno in corso i tassi di interesse. Anche la disoccupazione si mantiene a livelli contenuti: è pari al 5 per cento della forza lavoro disponibile, un dato che, stando a quanto affermato dal viceministro dello Sviluppo economico Nikolaj Podguzov, potrebbe determinare nel paese, nei prossimi anni, una penuria di manodopera da soddisfare aprendo le frontiere a lavoratori esteri.

Nel corso della conferenza il vicepremier Dvorkovich ha risposto con forza alle accuse di protezionismo economico rivolte a Mosca dall’Occidente. Glissando sulle questioni commerciali, ha tenuto a rimarcare come la Russia sia pronta «ad accogliere investitori e imprenditori stranieri, equiparandoli a quelli locali e addirittura favorendone l’attività, a patto che essi localizzino le loro produzioni e le loro aziende». Il quadro macroeconomico da questo punto di vista appare favorevole, tanto è vero che la Banca mondiale ha alzato il rating della Federazione russa, portandola al 40esimo posto per affidabilità, dal 112esimo che occupava solo pochi anni fa.

I primi risultati
Ciò che attualmente preme ai russi è aumentare il proprio export e diversificare gli investimenti stranieri, tradizionalmente concentrati nel settore degli idrocarburi. L’obiettivo è implementare le infrastrutture (in particolar modo quelle viarie e ferroviarie), la meccanica di precisione, il settore chimico, quello turistico (nel 2018 ci saranno i mondiali di calcio) e perfino l’agricoltura, che sta vivendo uno straordinario boom produttivo, al punto che il raccolto di grano di quest’anno è tornato ai livelli del periodo sovietico e non sembra dover diminuire nei prossimi anni, ma, al contrario, sarebbe destinato ad aumentare ulteriormente.

Rispetto all’Italia, l’ambasciatore Sergey Razov e l’intera delegazione hanno ribadito come il rapporto con Roma sia da considerare un «rapporto prioritario e privilegiato». Semmai il rammarico è che il regime sanzionatorio abbia determinato un clima di prudenza negli scambi e negli investimenti, oltre che un calo del nostro export alimentare e manifatturiero, penalizzando soprattutto l’Italia. In realtà, nel corso del primo quadrimestre del 2017 l’import-export italo-russo è aumentato del 25,5 per cento dopo la brusca discesa verificatasi in questi anni, che ha portato l’interscambio dei due paesi dal picco toccato nel 2013 (con un volume complessivo pari a circa 40 miliardi di dollari) ai 13 miliardi dello scorso anno.
La proposta avanzata dai russi al nostro paese, però, si concentra soprattutto sull’offerta di aprire il paese agli investimenti. Attualmente la presenza italiana è meno significativa se confrontata con quella di altri paesi occidentali (Germania, Francia e Stati Uniti innanzitutto), nonostante le nostre pionieristice attività già in periodo sovietico (basti ricordare gli impianti Fiat e Eni già negli anni Cinquanta, in piena guerra fredda). Inoltre essa si concentra particolarmente nell’area di Mosca, laddove l’istituzione di ben 26 “zone economiche speciali” disseminate su tutto il vasto territorio russo potrebbe rivelarsi maggiormente attrattiva in virtù delle ampie agevolazioni fiscali che tali zone garantiscono.

A supporto delle iniziative degli investitori sono attive in Russia due agenzie governative: il Russian Export Center e l’Agenzia per lo sviluppo tecnologico. I primi risultati sono già visibili: nei primi mesi dell’anno in corso gli investimenti italiani in Russia sono addirittura triplicati. Il tema, però, è comprendere quanto la volontà di Mosca di attrarre capitali, concentrandosi meno sugli aspetti commerciali delle nostre relazioni bilaterali, sia funzionale agli interessi dell’Italia come sistema-paese.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Marbella (Spagna) – La Yamaha più venduta ha le forme essenziali ma non prive di fascino della MT-07. Lanciata nel 2014, ha inanellato record dopo record, totalizzando oltre 120.000 pezzi consegnati. L’Europa è il suo mercato d’elezione, ma anche gli Stati Uniti fanno la loro parte. A quattro anni dall’esordio, la MT-07 cambia più nella […]

L'articolo Prova Yamaha MT-07 my 2018 proviene da RED Live.

I primi dati e le foto ufficiali della wagon svedese. Che mira a diventare il nuovo punto di riferimento fra le familiari medie di lusso. Con un design senza fronzoli e tanta sicurezza. A Ginevra ne sapremo ancora di più

L'articolo Nuova Volvo V60 – la station che seduce proviene da RED Live.

Carburante artico e additivi specifici: ecco le soluzioni per scongiurare la formazione dei cristalli di paraffina ed evitare il congelamento del gasolio nelle giornate di grande gelo. Aggiungere benzina nel serbatoio? Una trovata ottima per cambiare motore!

L'articolo Come evitare il congelamento del gasolio proviene da RED Live.

Passano gli anni ma il tre cilindri della Triumph Speed Triple rimane una delle moto da bar tra le più gustose. Ha coppia e cavalli giusti, non è una moto rapida, ma ha un bell'avantreno e una ciclistica sportiva: 13.850 euro la S e 15.950 euro la RS

L'articolo Prova Triumph Speed Triple 1050 RS proviene da RED Live.

Botte piena e moglie ubriaca? I moderni pneumatici Sport Touring puntano a darvi di tutto un po’. Durata, miglior comportamento sul bagnato, e più efficacia nella guida “spigliata” sono i punti chiave su cui Michelin ha lavorato per il nuovo Road 5. Saranno riusciti nell’intento? Siamo andati in Spagna per verificarlo

L'articolo Prova Michelin Road 5 Sport – Touring per vocazione proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi