Google+

Il «razzismo cromosomico» contro i Down di Charlie Hebdo è più grave di qualsiasi battutaccia

ottobre 9, 2015 Leone Grotti

Per attaccare la politica Nadine Morano, il giornale satirico si dimostra più razzista dei razzisti. Ecco cosa «non hanno capito» i paladini della libertà di espressione

charlie-hebdo-morano«Morano. La figlia down nascosta da De Gaulle». La prima pagina del nuovo numero di Charlie Hebdo, uscito mercoledì, è di quelle che farà discutere. Perché dietro alla solita storia della libertà di espressione questa volta non si nasconde solo il vituperio e l’insulto gratuito, ma anche «il vero razzismo».

LA POLEMICA. Il giornale satirico, vittima di un barbaro attacco a inizio anno da parte di due terroristi islamici, è entrato a gamba tesa sul “caso Morano”, che da 11 giorni infiamma la Francia. La deputata europea Nadine Morano, al centro del polverone, ex ministro e membro del partito Les Républicains (il nuovo nome dell’Ump guidato da Nicolas Sarkozy), ha dichiarato il 26 settembre alla trasmissione On n’est pas couché, citando Charles De Gaulle: «Noi siamo un paese giudaico-cristiano e, come diceva il generale De Gaulle, di razza bianca, che accoglie persone straniere». Apriti cielo.

NIENTE CANDIDATURA. Parlare di «razza bianca» non è molto politicamente corretto di questi tempi e non le è stato perdonato. Dopo aver stigmatizzato le sue parole, Sarkozy l’ha costretta a ritirarsi dal ruolo di capolista in Alsace-Lorraine-Champagne-Ardenne alle prossime elezioni regionali. Il presidente del partito le ha anche chiesto di scrivere una lettera di scuse, cosa che lei si è rifiutata di fare. Ecco perché Charlie Hebdo l’ha attaccata con la prima pagina già citata: «Morano. La figlia down nascosta da De Gaulle».

«CHARLIE HEBDO NON HA CAPITO». Il titolo è stato ritenuto profondamente offensivo da tutti i genitori di bambini affetti da sindrome di Down (o Trisomia 21). In particolare, Jean-marie Le Méné, presidente della Fondation Jérôme Lejeune, ha condannato il settimanale affermando a Valeurs Actuelles: «Charlie Hebdo alimenta il razzismo. Non ha proprio capito la tragedia della Trisomia. I bambini affetti da sindrome di Down sono discriminati sulla base di un vecchio pregiudizio razzista. Una volta si pensava che fossero il frutto di una degenerazione della razza bianca verso la razza gialla, da qui l’epiteto “mongoli” con cui venivano spesso chiamati».

«OGGI LI ELIMINIAMO». Ora però in Francia la situazione si è di gran lunga aggravata: «Ma l’eugenismo moderno – continua – ha trasformato il razzismo di un tempo e il risultato è molto peggiore rispetto a prima perché oggi si dice che la loro vita non è degna di essere vissuta: in Francia infatti i bambini down vengono cancellati alla nascita (il 96 per cento dei feti ai quali viene diagnosticata la trisomia sono eliminati). Per stroncare il presunto razzismo di Morano, Charlie utilizza quindi una retorica esplicitamente eugenetica, cioè razzista, di un razzismo cromosomico ben più detestabile degli altri. Farsi complici di un razzismo per cercare di abbatterne un altro non mi sembra molto efficace».
Anche molti genitori di bambini affetti da sindrome di Down si sono arrabbiati con il settimanale. Emmanuel, in particolare, ha scritto: «Servirsi della libertà di espressione come paravento per qualsiasi tipo di oltraggio di cui le persone più vulnerabili fanno le spese (al pari dei loro genitori e famiglie) è davvero insopportabile».


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

6 Commenti

  1. Orazio Pecci says:

    E ora vediamo in quanti diranno JE NE SUIS PAS CHARLIE!

  2. Cisco says:

    Ho sempre detto – anche durante la vomitevole aurea di santità appioppata al settimanale dopo l’attentato – che Charlie Hebdo non è degno di fungere neanche da carta igienica. Oggi aggiungo alla nausea anche il “gollista” Sarko, che accusa un donna del suo partito gollista di aver citato De Gaulle…

  3. beppe says:

    ” in Francia infatti i bambini down vengono cancellati alla nascita (il 96 per cento dei feti ai quali viene diagnosticata la trisomia sono eliminati)”…perchè in Italia (purtroppo) no??

    • Menelik says:

      Perché in Italia siamo ancora persone UMANE.
      Umane nel senso che abbiamo ancora sentimenti umani, non consideriamo le persone degli oggettini per assecondare le nostre voglie ed i nostri vizi.
      Non siamo ancora dei semplici meccanismi di mercato, nelle mani dei ladri più ladri della Terra.
      Una persona che ha fatto fare a pezzi da un macellaio con la laurea in medicina umana anziché zootecnia, il bambino che ha portato settimane nella propria pancia, mi fa schifo, e se mi porgesse la mano, la tentazione che avrei sarebbe quella di sputacchiargliela quella manaccia lurida.
      Capisco e comprendo una grave malformazione che metterà la vita in seria difficoltà, ma i down sono persone umane che se di capita di conoscerle e di averci a che fare, hanno da darti ancora più di quanto tu abbia da dare a loro.
      E quando è il momento di lasciarle, ti commuovono.
      E quello lì sarebbe il progresso? L’eugenetica? PUAH, roba da nazi.

      • Giannino Stoppani says:

        Caro Beppe, la tua presenza al mondo è la miglior prova del fatto che in Italia l’eugenetica non è ancora arrivata a regime.

  4. Engy says:

    per quanto mi guardi bene dal giudicare chi ricorre ad aborti terapeutici, noto che il leitmotiv che viene sempre portato a giustificazione è l’incompatibilità con la vita.
    Ora, perchè questa ipocrisia nel caso dei bambini down?
    Dov’è questa incompatibilità con la vita?
    Soprattutto, perchè sono “i” ginecologi stessi e “le” ostetriche a dire alle donne (una volta accertata tale sindrome in sede di analisi prenatali) “devi” abortire??

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il model year 2019 della roadster jap aggiunge 24 cv al 2 litri benzina e una serie di novità nella sicurezza. Per una roadster ancora più "jinba ittai"

L'articolo Mazda MX-5 2019, più cavalli e sicurezza proviene da RED Live.

Lanciata dal marchio inglese Oxford la linea Mint, dal caratteristico profumo di menta, comprende prodotti per la pulizia e la manutenzione dei veicoli a due ruote

L'articolo Gamma Oxford Mint Cleaning proviene da RED Live.

215 cv, 10 kg in meno e il debutto delle alette aerodinamiche. Questa versione speciale della RSV4 RF allestita con pezzi di Aprilia Racing di carne al fuoco ne mette davvero tanta. E noi ce la siamo gustata dal primo all’ultimo boccone. Al Mugello, dove le ali servono davvero.

L'articolo Prova Aprilia RSV4 RF FW 2018 proviene da RED Live.

Diventate capienti come le familiari grandi di qualche anno fa, le SW medie stanno vivendo una seconda giovinezza. Così come la Peugeot 308 SW GT Line, che ora si aggiorna nella tecnologia e diventa ancora più “connessa”. Schermo generoso e Mirror Screen La succosa novità della Peugeot 308 SW GT Line è la presenza di […]

L'articolo Peugeot 308 SW GT Line, <BR> adesso “parla” con lo smartphone proviene da RED Live.

La Casa di Noale propone due motorette brillanti ed economiche: sono le Aprilia RX e SX 125, una enduro, l’altra motard, entrambe vendute a 4.020 euro.

L'articolo Prova Aprilia RX e SX 125, per i nuovi 16enni proviene da RED Live.