Quest’anno il Te Deum di Tempi lo potete scrivere voi

Vi chiediamo di inviarci via email il vostro personale ringraziamento per questo 2013. I più interessanti saranno pubblicati sul sito tempi.it e sul settimanale cartaceo.

Tempi_52_2011 Il Te Deum di Tempi lo potete scrivere voi. Come è ormai tradizione, l’ultimo numero dell’anno del settimanale sarà monografico e dedicato al “Te Deum”, che nella tradizione cristiana è l’inno cantato il 31 dicembre in segno di ringraziamento a Dio. Dal 2010, infatti, raccogliamo nel numero a cavallo tra il vecchio e il nuovo anno una serie di articoli in cui gli autori rivolgono a Dio il loro personale Te Deum.

In questi anni abbiamo pubblicato scritti di personaggi più o meno noti che, ognuno secondo la propria sensibilità, hanno raccontato uno o più episodi accadutigli nei dodici mesi precedenti e per i quali desideravano ringraziare. Hanno scritto le persone più diverse, italiane e non, credenti o meno. Ognuno di loro è stato libero di raccontare quel che voleva avendo solo la premura di non rendere il proprio ringraziamento un atto asciuttamente devozionale, ma cercando di illustrare un’esperienza che avesse cambiato la loro vita. Non necessariamente un episodio positivo – in molti casi chi ha scritto ha raccontato di eventi drammatici o tragici -, ma certamente una circostanza che avesse segnato sorprendentemente la loro esistenza, rendendola più vera.
tempi-te-deum-2012In questi anni abbiamo pubblicato gli autori più diversi. Uomini di Chiesa (Angelo Scola, Luigi Negri, Massimo Camisasca), esponenti politici (Roberto Formigoni, Maurizio Lupi, Rosy Bindi), scrittori e giornalisti (Davide Rondoni, Antonio Socci, Aldo Cazzullo, Rina Gagliardi, Eugenio Corti, Pierluigi Magnaschi, Nicholas Farrell, Costanza Miriano) missionari o cristiani nei quattro angoli del mondo, oltre – ovviamente – ai contributi di firme note ai lettori di Tempi: Luigi Amicone, Marina Corradi, Aldo Trento, Oscar Giannino, Fred Perri, Pippo Corigliano, Gian Micalessin.

Quest’anno abbiamo pensato di coinvolgere in questo numero speciale della rivista anche i lettori. Per questo vi chiediamo di inviarci via email (a redazione@tempi.it, specificando nell’oggetto “Te Deum”) il vostro personale contributo. Esso non dovrà superare le 4.000 battute spazi inclusi, dovrà pervenire alla redazione entro e non oltre il 12 dicembre, dovrà essere firmato. I più interessanti saranno pubblicati sul sito tempi.it e sul settimanale cartaceo.
Cliccando sui nomi evidenziati vi appariranno alcuni esempi. Altri ne trovate con una semplice ricerca sul sito.