Google+

Quella lunga scia di sangue

settembre 22, 1999 Von Dohnanyi Johannes

Come nel 1975, quando le vittime furono 200mila e i cristiani di Timor vennero dati in pasto ai pescecani

E’stato un massacro annunciato, ma soprattutto compiuto sotto gli occhi del mondo. Si tratta in realtà di un macabro deja-vu che riporta la memoria ad un lontano ottobre del ’65, quando in Indonesia il vecchio corso della “Guided Democracy” lasciava il posto al “Nuovo Ordine” del generale Suharto. I morti ammazzati furono stimati nell’ordine delle diverse centinaia di migliaia laddove anche all’epoca il “lavoro sporco” fu opera della milizia, mentre solo saltuariamente l’esercito prese parte diretta ai massacri. Nella maggior parte dei casi si limitò a fornire armi, addestramento rudimentale ed incoraggiamento alle gang dei “vigilanti”.

Niente di nuovo quindi sotto il sole di Indonesia. Si tratterà solo di contare i cadaveri una volta in più, quegli stessi cadaveri che a Timor Est sono già stati contati nel 1975. All’epoca si parlò di più di 200mila morti, una cifra ovviamente arrotondata per difetto. Attirati dal sangue dei cadaveri mutilati gettati in mare, sciami di pescecani vennero segnalati lungo le coste timoresi ma, immerso nei problemi dei precari equilibri della guerra fredda, il mondo all’epoca guardava dall’altra parte. Quello stesso mondo è oggi reduce da una guerra scatenata contro la Jugoslavia per prevenire la “pulizia etnica” degli albanesi. Anche per difendere la propria credibilità quindi, deve fare ora i conti anche con questo genocidio, il secondo compiuto in poco più di vent’anni su una piccola isola. Perché di genocidio parlano le autorità religiose di Timor Est. Più che di una vera e propria pulizia etnica, in questo caso si tratta infatti di “pulizia politico-religiosa”, laddove la motivazione politica è l’attacco contro la volontà indipendentista di una popolazione che è al tempo stesso un minuscolo enclave cattolico all’interno del più grande Paese musulmano.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Ridisegnata nei dettagli e capace di offrire un allestimento più ricco, la Ford Ecosport sta riuscendo a ritagliarsi una fetta importante del mercato SUV. Il motore TDCi da 100 cv è il cuore giusto per lei? Scopriamolo in questa prova

L'articolo Prova Ford Ecosport 2018 <br> il bello della concretezza proviene da RED Live.

Nasce sulla base del Crafter e promette praticità e abitabilità da camper. A fine agosto ne sapremo di più

L'articolo Volkswagen Grand California, perché la vita è un viaggio proviene da RED Live.

Piegano come una moto (a volte pure di più) ma offrono più sicurezza e abitabilità. Con un buon "allestimento" possono essere una valida alternativa all'auto offrendo velocità e agilità da scooter e protezione (anche dei vestiti) da auto. Sono i mezzi a tre ruote, sia scooter sia moto, con sistema di basculamento. Quasi tutti scooter hanno però una guest star. Ecco quali sono e come vanno.

L'articolo Moto e scooter, quando due ruote non bastano. Ecco i migliori tre ruote proviene da RED Live.

I prezzi partono da 24.650 euro, quattro gli allestimenti disponibili

L'articolo Peugeot 2008, arriva il 1.5 BlueHDi con cambio automatico proviene da RED Live.

Per chi vuole qualcosa in più della solita Sport Utility, con l'accento sulla sportività. Farà il suo debutto ufficiale al Salone di Parigi, in ottobre

L'articolo Skoda Karoq Sportline, la SUV che va di fretta proviene da RED Live.