Google+

Perché dei 900 morti di Haiti ci importa poco o nulla?

ottobre 16, 2016 Rodolfo Casadei

Solo l’instaurarsi di una familiarità autentica cambia il nostro modo di comprometterci e di sentire la realtà

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Venticinque anni fa, in occasione del tifone che causò 138 mila morti in Bangladesh, un umorista italiano pubblicò su un quotidiano nazionale una vignetta spietata: «Poverini quelli del Bangladesh: per un trafiletto in prima pagina devono morire almeno in 100 mila!». Un quarto di secolo dopo, l’amara verità contenuta in quella vignetta non è svanita: notiziari televisivi e pagine dei grandi quotidiani hanno dato più spazio ai 19 morti e alle distruzioni che l’uragano Matthew ha causato negli Stati Uniti, che non ai 900 e passa registrati ad Haiti. Non è solo questione di difficoltà logistiche per mandare le troupe televisive lì anziché là. Il fatto è semplicemente che l’affinità culturale e i legami politici (di dipendenza, per essere precisi) fanno sì che il pubblico italiano si senta più colpito dai 19 morti statunitensi che dai 900 haitiani.

La retorica dell’uguaglianza e della fraternità universale non può nulla contro un dato di fatto: ci sono drammi che sentiamo più vicini di altri perché colpiscono chi è più simile a noi o chi esercita su di noi un potere (politico-economico o di altra natura). Un richiamo moralistico a mostrarci più sensibili alla sofferenza dell’“altro”, cioè di chi ha la pelle di un colore diverso dal nostro e gerarchie di valori diverse dalle nostre, non serve a nulla. Solo l’instaurarsi di rapporti reali, di una familiarità autentica cambia il nostro modo di sentire e di comprometterci con la realtà. Le famiglie italiane che hanno bambini haitiani in affido a distanza stanno vivendo la tragedia di Haiti in un modo diverso dagli altri italiani. Solo legami reali scansano le ipocrisie dell’uguaglianza virtuale.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. soldo says:

    “…Notiziari televisivi e pagine dei grandi quotidiani hanno dato più spazio ai 19 morti e alle distruzioni che l’uragano Matthew ha causato negli Stati Uniti, che non ai 900 e passa registrati ad Haiti….”

    Il problema sono proprio i giornali e i telegiornali, i loro direttori, i loro finanziatori e i loro controllori;

    sarebbe bello capire a chi è in mano il mondo dell’informazione e quale “immagine” del mondo vuole far passare.

    • Menelik says:

      Devi fare uno sforzo mentale per capirlo?
      Un piccolo aiutino, solo un nome tra pochi:
      Gorge Soros.
      Renzi è andato a trovarlo la scorsa primavera, in una visita ufficiale in USA.
      Lo stesso Soros è stato bandito dalla Russia, lui e la sua famiglia – visti negati o foglio di via, non ricordo -.
      (E Putin, comportandosi così, ha dimostrato al mondo che non è un cagnolino scodinzolante a cui mettere il collare, come…….ci siamo capiti).

    • Mamifacciailpiacere says:

      …. ma non era il Berlusca?… gira che ti rigira a forza di parlare di democrazia e Quarto Potere gli usa-gb hanno capito benissimo che della democrazia e’ molto più divertente (leggi redditizio) farne a meno. Divide et impera: tanto per gli italiani quello che conta di più sono sempre le lasagne…

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Piegano come una moto (a volte pure di più) ma offrono più sicurezza e abitabilità. Con un buon "allestimento" possono essere una valida alternativa all'auto offrendo velocità e agilità da scooter e protezione (anche dei vestiti) da auto. Sono i mezzi a tre ruote, sia scooter sia moto, con sistema di basculamento. Quasi tutti scooter hanno però una guest star. Ecco quali sono e come vanno.

L'articolo Moto e scooter, quando due ruote non bastano. Ecco i migliori tre ruote proviene da RED Live.

I prezzi partono da 24.650 euro, quattro gli allestimenti disponibili

L'articolo Peugeot 2008, arriva il 1.5 BlueHDi con cambio automatico proviene da RED Live.

Per chi vuole qualcosa in più della solita Sport Utility, con l'accento sulla sportività. Farà il suo debutto ufficiale al Salone di Parigi, in ottobre

L'articolo Skoda Karoq Sportline, la SUV che va di fretta proviene da RED Live.

Al debutto l'EAT6 con il BlueHDi da 120 cv, già in regola con la normativa Euro 6.2.

L'articolo Citroën C3 Aircross, il cambio automatico arriva anche sulla Diesel proviene da RED Live.

L’originale tre ruote Piaggio compie 70 anni e li festeggia con un grande raduno a Salsomaggiore Terme. Le iscrizioni sono aperte

L'articolo Euro Ape 2018, dal 21 al 23 settembre 2018. Info e iscrizioni proviene da RED Live.