Papa Francesco: «La Chiesa è la nostra vita. Entriamoci, non fermiamoci alla reception»

La Chiesa, ha ricordato il Pontefice, è stata fondata da Cristo che ha posto alle sue fondamenta la «pietra d’angolo» dei dodici apostoli. L’omelia a Casa Santa Marta

Papa Francesco, nell’omelia oggi alla messa a casa Santa Marta, ha parlato della Chiesa, invitando i fedeli ad aderirvi, a “entrarci dentro”, a non rimanere alla reception. La Chiesa, ha ricordato il Pontefice, è stata fondata da Cristo che ha posto alle sue fondamenta la «pietra d’angolo» dei dodici apostoli, come racconta il Vangelo odierno. «Gesù prega, Gesù chiama, Gesù sceglie, Gesù invia i discepoli, Gesù guarisce la folla. Dentro a questo tempio, questo Gesù che è la pietra d’angolo fa tutto questo lavoro: è Lui che porta avanti al Chiesa così. Come diceva Paolo, questa Chiesa è edificata sul fondamento degli Apostoli. Questo che Lui ha scelto, qui: ne scelse dodici. Tutti peccatori, tutti. Giuda non era il più peccatore… Giuda, poveretto, è quello che si è chiuso all’amore e per questo diventò traditore. Ma tutti sono scappati nel momento difficile della Passione e hanno lasciato solo Gesù. Tutti sono peccatori. Ma Lui, scelse».

LA RECEPTION. Nella Chiesa è «la nostra vita», ha proseguito il Papa. Non dobbiamo fermarci «alla reception della Chiesa». Nemmeno i nostri peccati possono essere una scusa per fermarci sull’uscio, perché Cristo è sempre pronto a perdonarci e accoglierci. «A Gesù non importò il peccato di Pietro: cercava il cuore. Ma per trovare questo cuore e per guarirlo, pregò. Gesù che prega e Gesù che guarisce, anche per ognuno di noi. Noi non possiamo capire la Chiesa senza questo Gesù che prega e questo Gesù che guarisce. Che lo Spirito Santo ci faccia capire, a tutti noi, questa Chiesa che ha la forza nella preghiera di Gesù per noi e che è capace di guarirci, tutti noi».