Google+

Nord Corea. «Il popolo non crede più alle minacce di Kim Jong-un»

agosto 30, 2017 Leone Grotti

Il dittatore nordcoreano ha lanciato l’ultimo missile sopra il Giappone anche per mandare un messaggio interno al suo paese. Che però «soffre il comportamento belligerante del regime»

epa06171009 A photo made available by the official North Korean Central News Agency (KCNA) allegedly shows intermediate-range strategic ballistic rocket being launched during a drill at an undisclosed location in North Korea, the early morning of 29 August 2017. According to media reports, the United Nations security Council held a meeting late 29 August 2017, and released a statement condemning the launch, during which the ballistic missile flew over northern Japan.  EPA/KCNA   EDITORIAL USE ONLY

Sorvolando il Giappone con l’ennesimo missile il 28 agosto, inabissatosi poi nell’Oceano Pacifico, Kim Jong-un non ha soltanto cercato di spaventare Tokyo, Seul e soprattutto Washington, minacciando una guerra nucleare, ma ha anche lanciato un messaggio al suo popolo. Il programma missilistico e nucleare nordcoreano, infatti, non ha come unico obiettivo quello di garantirsi la sopravvivenza attraverso minacce più o meno credibili, ma anche di aumentare il consenso interno e l’adorazione nei confronti del leader supremo.

VENDICARE LA STORIA. L’ultimo missile è stato lanciato nel giorno del 107anniversario della firma del trattato del 1910 tra Giappone e Corea, nel quale si sanciva la disgraziata colonizzazione dell’allora unificata penisola coreana. Negli anni di dominazione nipponica, i coreani furono sottomessi in modo crudele ed è ancora vivo il ricordo delle donne coreane usate per divertire sessualmente i soldati giapponesi prima e durante la Seconda guerra mondiale. Kim, oltre a minacciare il Giappone e migliaia di soldati americani sull’isola di Guam, vuole mostrare al suo popolo che è in grado di lavare quell’onta e che è arrivato il turno della Corea del Nord di essere forte e tiranneggiare i vicini.

«NON È MAI SUCCESSO NIENTE». Molte cose però sono cambiate da quando il padre fondatore Kim Il-sung ha posto le basi del programma nucleare e missilistico nordcoreano oltre 50 anni fa. E non bastano più minacce e lanci di prova per riunire il popolo attorno a un’ideologia che ha massacrato e affamato il paese per decenni. «Gli abitanti della Corea del Nord si prendono gioco delle minacce del leader al resto del mondo», spiega una fonte interna al paese a Daily Nk. «I residenti dicono che sono più di 50 anni che il regime minaccia di avvolgere Corea del Sud e Stati Uniti con un oceano di fuoco, ma non è mai successo niente».

LA STESSA STRATEGIA. Continua a crescere il numero dei nordcoreani che «ritiene le continue provocazioni agli Stati Uniti una battaglia persa», continua la fonte. «Noi siamo gli unici a pagare il comportamento belligerante del regime». Addirittura, «in tanti accolgono favorevolmente la propaganda del regime secondo cui la guerra sarebbe imminente. Se fosse così, infatti, verremmo sconfitti e le nostre sofferenze per mano del regime finirebbero». Il pensiero più diffuso però è che «Kim Jong-un utilizza la stessa vecchia strategia di suo padre e suo nonno: minacciare guerra per compattare la popolazione, ma non funziona più».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Ridisegnata nei dettagli e capace di offrire un allestimento più ricco, la Ford Ecosport sta riuscendo a ritagliarsi una fetta importante del mercato SUV. Il motore TDCi da 100 cv è il cuore giusto per lei? Scopriamolo in questa prova

L'articolo Prova Ford Ecosport 2018 <br> il bello della concretezza proviene da RED Live.

Nasce sulla base del Crafter e promette praticità e abitabilità da camper. A fine agosto ne sapremo di più

L'articolo Volkswagen Grand California, perché la vita è un viaggio proviene da RED Live.

Piegano come una moto (a volte pure di più) ma offrono più sicurezza e abitabilità. Con un buon "allestimento" possono essere una valida alternativa all'auto offrendo velocità e agilità da scooter e protezione (anche dei vestiti) da auto. Sono i mezzi a tre ruote, sia scooter sia moto, con sistema di basculamento. Quasi tutti scooter hanno però una guest star. Ecco quali sono e come vanno.

L'articolo Moto e scooter, quando due ruote non bastano. Ecco i migliori tre ruote proviene da RED Live.

I prezzi partono da 24.650 euro, quattro gli allestimenti disponibili

L'articolo Peugeot 2008, arriva il 1.5 BlueHDi con cambio automatico proviene da RED Live.

Per chi vuole qualcosa in più della solita Sport Utility, con l'accento sulla sportività. Farà il suo debutto ufficiale al Salone di Parigi, in ottobre

L'articolo Skoda Karoq Sportline, la SUV che va di fretta proviene da RED Live.