No tav: «Operai rappresentano lo schifo di questa terra. Ditta Effedue? Un cancro»

Gli operai della ditta Effedue, insieme all’imprenditore, sarebbero colpevoli di avere lavorato al sigillo della baracca-presidio a Chiomonte con la polizia.

Secondo i leader No Tav «non si può fermare il vento (della lotta) con le mani». Sarà. Di certo, a leggere i siti della galassia antitreno, si può dire che tira una brutta aria. Leggere per credere. Ecco quanto Notav.info dedica all’imprenditore ed ai suoi lavoratori, rei di aver prestato la loro opera durante il sigillo della baracca-presidio a Chiomonte. Intanto l’incipit: «La ditta Effedue di Suppo Felice ha blindato con reti e lamiere il presidio no tav di Chiomonte. Protetti da centinaia di poliziotti, gli operai di Felice hanno così fatto il lavoro “sporco” per la Procura di Torino». E, ancora, «gli operai e il titolare di questa ditta ha scelto di lavorare nella vergogna protetti da polizia e carabinieri blindando e distruggendo un presidio no tav, quello di Chiomonte, nato con le offerte, il sudore e il sacrificio di molti valsusini in cambio di poche migliaia di euro».

«OPERAI, SCHIFO DI QUESTA TERRA». Infine, il violento paragone ditta-cancro: «A questi operai, a Felice Suppo non va il nostro rispetto, a loro, che rappresentano purtroppo lo schifo di questa terra, va il nostro sdegno. Loro sono la parte peggiore di questo problema, simile a un cancro che divora un uomo dall’interno. Loro, queste ditte, questi operai vanno fermati prima che proseguano, come metastasi, la distruzione. Il cantiere di Chiomonte è una malattia per la valle di Susa di cui conosciamo il nome, si chiama alta velocità Torino Lione, va fermata e curata subito».

«CHIUDERE IL SITO». Anche di fronte a scritti come questi, il deputato Pd Stefano Esposito chiede di valutare la chiusura, per via giudiziaria, del sito. «Credo che sia giunto il momento – dice Esposito – di porsi il problema dell’operato di siti come Notav.info, che nulla hanno a che vedere con la libertà di informazione e di critica, ma sono chiaramente funzionali ed organici al compimento di azioni illegali».