L’invidia gioca brutti scherzi. Per conferma, chiedere a Elton John e Madonna

Il primo grande autore di musica pop, gay dichiarato, cerca di screditare Madonna accusandola di cantare in playback. Lei, di contro, cerca di farlo sfigurare invitando fior fior di vip ai suoi party.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Come due casalinghe che si strappano dalle mani un capo scontato il primo giorno dei saldi. Come la perfidia dei colleghi che non aspettano altro che parlare male di qualche assente alla macchinetta del caffè. Ma stiamo parlando di due supermegastar musicali come Elton John e Madonna, due che in modi completamente diversi hanno cambiato radicalmente il pop, il primo con una voce inconfondibile, la seconda con i suoi look rivoluzionari, entrambi accomunati dalla lotta per i diritti degli omosessuali. Elton John, da sempre gay dichiarato, ha poi finito anche per sposare l’uomo che ama, David Furnish, e con lui ha messo su “famiglia”. Usufruendo dell’utero di una madre artificiale e di sei tate ha avuto un erede, il piccolo Zachary. Per il momento superprotetto da sguardi indiscreti dei paparazzi, il giovane erede dovrà presto combattere con l’enorme curiosità che c’è intorno a lui.

Un rapporto, quello tra i due cantanti, sempre scosso da una rivalità non scritta, che nell’ultimo periodo si è acuita senza particolari motivi. Fatto sta che da un po’ Elton ha deciso di rinnovare l’invidia per la Ciccone e come una vecchia comare non aspetta altro che rifilare una delle sue “acidate” ai microfoni. Prima del Superbowl, Elton è stato intervistato dalla Abc, che gli ha chiesto di rivolgere a Madonna un consiglio su come gestire l’ansia che procura uno dei palchi più importanti di America, nel bel mezzo del sacro show del football. Lui, ghignando dietro gli occhiali, ha risposto: «Mi raccomando di controllare bene il playback e essere coordinata con le labbra». Davvero gentile da parte sua rinfocolare le vecchie storie secondo le quali Madonna non sia in grado di cantare e usi sempre e solo una bella base registrata.


Poi c’è stato l’episodio dei Golden Globe, serata durante la quale la canzone di Madonna, tratta dal suo film W.E., ha preso il premio come miglior colonna sonora. Tra le canzoni in gara ce n’era anche una di Elton John, per il film Gnomeo and Juliet. A insultare Madonna questa volta è stato l’inviperito marito David, sul suo profilo Facebook. «Madonna. Best song???? Fuck off!!!» e poi ha continuato, «che lei abbia vinto questo premio, significa che questi riconoscimenti non valgono niente. E il suo discorso di ringraziamento è stato imbarazzante per il suo totale narcisismo. Il fatto che poi continui a criticare Lady Gaga dicendo che la Germanotta la copi è semplicemente ridicolo».

Il colpo basso è arrivato però due sere fa, durante il gran galà degli Oscar, quando sparse per la città di Los Angeles si svolgevano le migliori feste del pianeta, con tutto lo star system in attesa di tartine e champagne. Così la rivalità si è consumata a suon di party. Chi lo organizza meglio? David e Elton erano ospiti come sempre della festa al Pacific Design Centre per la Elton John Aids Foundation, una cena di beneficenza in cui ogni posto a sedere costa 3500 dollari. Tra gli invitati figuravano Jessica Alba, Dita Von Teese, Katy Perry e Heidi Klum. Non proprio la festa dell’oratorio in quanto a lusso e volti noti. Madonna da tempo cercava di telefonare a tutta la rubrica telefonica di Beverly Hills per avere un altro paragonabile parco ospiti, con Angelina Jolie, Brad Pitt, Natalie Portman, Tom Cruise e altri. Addirittura per accalappiarsi gli ospiti, Madonna avrebbe messo in conto di far loro dei regali, come se si trattasse di una conferenza stampa qualsiasi in cui i giornalisti si strappano di mano le cartellette, il tutto riferito al Daily Mail da una fonte interna all’organizzazione del party di Madonna, che sottolinea quanto la rivalità tra i due sia ormai scesa ampiamente sul piano personale. Quale sarà la prossima mossa di Elton, un lassativo nel cocktail della Ciccone al momento giusto?

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •