Google+

Libertà di criticare il Corano e niente luoghi comuni: affrontare l’islam senza «ideologia buonista»

ottobre 7, 2015 Redazione

In un editoriale per il Corriere della Sera, Ernesto Galli della Loggia indica «cinque punti chiave» per poter dialogare con i musulmani in modo davvero utile

Libertà di critica, reciprocità, condanna dei fondamentalisti. Sono solo alcuni dei «punti chiave» indicati oggi sul Corriere della Sera da Ernesto Galli della Loggia per affrontare in modo corretto, senza ingenuità né «ideologia buonista», il «gigantesco problema di un nuovo rapporto con l’islam», reso necessario dalla massiccia immigrazione in atto e «dall’affermarsi di una versione ultraradicale della “umma” musulmana».

LIBERTÀ DI CRITICA. Per l’editorialista, in ambito pubblico «va innanzitutto limitato al massimo l’uso del termine polemico “islamofobia”». «Criticare la religione islamica, i suoi testi, le sue prescrizioni, mostrarne le contraddizioni e i risultati negativi nei suoi insediamenti storici, deve essere sempre lecito».

RELIGIONI NON SONO TUTTE UGUALI. In secondo luogo, «va recisamente confutata l’affermazione di uso corrente secondo la quale “tutte le religioni monoteiste sono fondamentalmente eguali”» perché «non è vero». Le differenze, sotto tantissimi punti di vista, dalla dignità di ogni persona al rispetto della donna, dall’interpretazione delle sacre scritture all’atteggiamento verso la violenza e la guerra, sono enormi.

NIENTE DA FARCI PERDONARE, ANZI. Terzo, «non sembra proprio, se i fatti contano qualcosa, che storicamente gli occidentali e l’Europa abbiano qualcosa da farsi perdonare dal mondo islamico». Se proprio bisogna parlare di torti storici tra islam e cristianesimo, «come minimo si equivalgono. L’islam attuale, infatti, si stende su un territorio in grandissima parte originariamente non suo né arabo, conquistato grazie a un paio di secoli di guerre che tra l’altro portarono, oltre che alla lunga occupazione della Sicilia e di due terzi della penisola iberica, all’occupazione militare da parte musulmana dei cosiddetti Luoghi Santi (…), nonché alla virtuale cancellazione della presenza cristiana fino allora maggioritaria specialmente nel Nord Africa».

ISLAM “MODERATO” E RECIPROCITÀ. Se proprio si vuole parlare di “islam moderato”, è il quarto punto, non basta l’astensione dalla violenza. Chi si professa “moderato”, «dovrebbe anche condannare» la violenza usata «dai propri correligionari». Infine, secondo Galli della Loggia è fondamentale la «reciprocità» affinché non continui a «sussistere sempre la situazione attuale che nel complesso vede il tasso di tolleranza delle società islamiche nei confronti dei cristiani e della loro cultura enormemente inferiore a quello delle società cristiane verso i musulmani».

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

7 Commenti

  1. Luca P. says:

    Un editoriale del Corriere della Sera che dice:
    – diritto di criticare l’islam (e dovere dei mussulmani di accettare le critiche pur contestandole)
    – le religioni monoteiste non sono tutte uguali
    – l’Occidente non ha nulla da farsi perdonare dall’Islam (!!)
    – l’Islam deve rinnegare la Jihad intesa come guerra santa non metaforica
    – reciprocità tra paesi mussulmani e occidentali sulla libertà di culto.
    … non ci posso credere !!!
    Se lo scrivevate su Tempi di vostro pugno vi avrebbero linciati … soprattutto per il 3° punto.
    E se lo avesse scritto Farina si sarebbe mosso anche l’ordine dei giornalisti !!
    In ogni caso sottoscrivo i 5 punti al 100%.

  2. Raider says:

    L’ovvio suona scandalo sul Corsera. La notizia è questa: il Corsera sfida gli interdetti di cui s’è posto a guardia.
    E Galli Della Loggia dovrebbe stare attento:
    – se gli islamici prendono l’articolessa per satira ai tempi di Charlie, ahilui ahilui (e se lo sente la guardiana campestre del Pensiero Unico sora Boldrini, non vi dico):
    – se lo prendono sul serio, pure, occhio al collo.
    Luca P., neanche il punto 2, “le religioni monoteiste non sono tutte uguali”, è da sottovalutare. (E tralasciando le baggianate d’uso ecumenico, “fratellanza abramitica”, che vale da un punto di vista etnico – semiti gli Arabi e gli Ebrei -, non teologico, quale lo fanno apparire: o la liturgica amenità d’uso retorico delle “religioni del Libro”: quale? Va che non lo diranno mai.)
    Comunque, basta e avanza uno qualunque, uno solo, dei punti in elenco per scatenare un ihad islamicamente e politicamente corretto. E grazie e tanti auguri a Galli Della Loggia (e a “Tempi”).

  3. Marina says:

    Sono perfettamente d’accordo con Galli Della Loggia. Meno male che qualcuno ancora mantiene un po’ di onestà intellettuale e di coraggio.Purtroppo, però, non credo che le sue parole siano molto condivise.

  4. Sebastiano says:

    Se proprio devo esprimere un disappunto, è quello che queste cose avrei voluto sentirle dire anche da altri (magari anche da qualche monsignore). Ma a volte ho l’impressione che remino in senso opposto, in omaggio all’islamicamente corretto in stile Boldrini e Famiglia Cristiana.

  5. maboba says:

    Eccellente. Non ci avrei sperato, specialmente dai tipi del corriere. Finalmente qualcosa si sta muovendo anche in quel mondo.

  6. Franco says:

    Bene, un passo nella direzione giusta.
    Ma di strada ce n’è ancora parecchia prima di arrivare alla consapevolezza che l’islam, così com’è oggi e come è da 1400 anni a questa parte, è una minaccia pari a quella dell nazismo.

  7. If I have the guts to quit my job .

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il model year 2019 della roadster jap aggiunge 24 cv al 2 litri benzina e una serie di novità nella sicurezza. Per una roadster ancora più "jinba ittai"

L'articolo Mazda MX-5 2019, più cavalli e sicurezza proviene da RED Live.

Lanciata dal marchio inglese Oxford la linea Mint, dal caratteristico profumo di menta, comprende prodotti per la pulizia e la manutenzione dei veicoli a due ruote

L'articolo Gamma Oxford Mint Cleaning proviene da RED Live.

215 cv, 10 kg in meno e il debutto delle alette aerodinamiche. Questa versione speciale della RSV4 RF allestita con pezzi di Aprilia Racing di carne al fuoco ne mette davvero tanta. E noi ce la siamo gustata dal primo all’ultimo boccone. Al Mugello, dove le ali servono davvero.

L'articolo Prova Aprilia RSV4 RF FW 2018 proviene da RED Live.

Diventate capienti come le familiari grandi di qualche anno fa, le SW medie stanno vivendo una seconda giovinezza. Così come la Peugeot 308 SW GT Line, che ora si aggiorna nella tecnologia e diventa ancora più “connessa”. Schermo generoso e Mirror Screen La succosa novità della Peugeot 308 SW GT Line è la presenza di […]

L'articolo Peugeot 308 SW GT Line, <BR> adesso “parla” con lo smartphone proviene da RED Live.

La Casa di Noale propone due motorette brillanti ed economiche: sono le Aprilia RX e SX 125, una enduro, l’altra motard, entrambe vendute a 4.020 euro.

L'articolo Prova Aprilia RX e SX 125, per i nuovi 16enni proviene da RED Live.