Google+

Le due lezioni di Bucarest

maggio 19, 1999 Tempi

editoriale

Il fine settimana che è alle nostre spalle ha visto accadere un avvenimento di portata storica: per la prima volta dopo lo scisma del 1054 un vescovo di Roma è stato gradito ospite di una Chiesa di rito orientale in un paese a maggioranza ortodossa, la Romania. Non avevano avuto queste caratteristiche l’incontro fra Paolo VI e il patriarca Atenagora a Gerusalemme nel 1964, né la visita di Giovanni Paolo II al patriarca di Costantinopoli nel 1978, allorchè l’automobile del Papa era sfilata per le vie deserte di Istanbul. Stavolta l’incontro è stato solenne e di alto profilo, costellato di gesti simbolicamente impegnativi come la partecipazione del Papa alla Messa bizantina e l’inedito messaggio congiunto di Giovanni Paolo II e del patriarca Teoctis contro le violenze e per la pace nei Balcani.

Nessuno è rimasto indenne al fascino di un appuntamento storico fra cattolici e ortodossi che si compiva proprio nel momento apparentemente più inopportuno: nei giorni di una guerra spietata che mette di fronte, fra gli altri, stati nazionali in cui sono presenti queste tradizioni religiose e, più in generale, i due mondi culturali che sono nati da quelle due identità religiose. Ma passato il primo momento di stupore la notizia è rotolata nei tagli bassi delle prime pagine o in quelle interne. In fondo, hanno pensato tanti, la divisione e la differenza fra cattolici e ortodossi, fra Oriente e Occidente, fra slavi e latini, è una vecchia storia che viene dal passato, e non saranno due uomini vestiti di bianco a ricomporla; tanto meno saranno loro, profeti inermi, a condizionare gli eventi bellici e far tacere le armi nei Balcani, decisione che è nelle mani dei potenti. Risuona ancora beffardo l’ironico interrogativo di Stalin: “Quante divisioni ha il Papa?”.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Ridisegnata nei dettagli e capace di offrire un allestimento più ricco, la Ford Ecosport sta riuscendo a ritagliarsi una fetta importante del mercato SUV. Il motore TDCi da 100 cv è il cuore giusto per lei? Scopriamolo in questa prova

L'articolo Prova Ford Ecosport 2018 <br> il bello della concretezza proviene da RED Live.

Nasce sulla base del Crafter e promette praticità e abitabilità da camper. A fine agosto ne sapremo di più

L'articolo Volkswagen Grand California, perché la vita è un viaggio proviene da RED Live.

Piegano come una moto (a volte pure di più) ma offrono più sicurezza e abitabilità. Con un buon "allestimento" possono essere una valida alternativa all'auto offrendo velocità e agilità da scooter e protezione (anche dei vestiti) da auto. Sono i mezzi a tre ruote, sia scooter sia moto, con sistema di basculamento. Quasi tutti scooter hanno però una guest star. Ecco quali sono e come vanno.

L'articolo Moto e scooter, quando due ruote non bastano. Ecco i migliori tre ruote proviene da RED Live.

I prezzi partono da 24.650 euro, quattro gli allestimenti disponibili

L'articolo Peugeot 2008, arriva il 1.5 BlueHDi con cambio automatico proviene da RED Live.

Per chi vuole qualcosa in più della solita Sport Utility, con l'accento sulla sportività. Farà il suo debutto ufficiale al Salone di Parigi, in ottobre

L'articolo Skoda Karoq Sportline, la SUV che va di fretta proviene da RED Live.