La ricetta del medico Carugo per la Lombardia: «Crescita, fattore famiglia e efficienza sanitaria»

Cardiologo monzese, vuole continuare il lavoro iniziato da consigliere regionale in Lombardia: «Bisogna aggiornare la legge 31 sulla Sanità per migliorare l’efficienza del sistema».

Cardiologo, padre di sei figli, Stefano Carugo si candida per il Pdl nel collegio di Monza Brianza. È stato assessore alla Famiglia e Politiche sociali del Comune di Monza, prima di essere eletto in Consiglio regionale nel 2010 con quasi diecimila preferenze. È anche Presidente della Commissione speciale sul sistema carcerario.

FONDO NASKO. «Come consigliere regionale sono stato attivo su più fronti», dice a tempi.it. «Sono stato relatore della Fondo Nasko, che prevede un sostegno economico di interventi a tutela della maternità e a favore della natalità, e del Fattore Famiglia lombardo. Come presidente della Commissioni carceri ho sostenuto il progetto, approvato all’unanimità dal Consiglio regionale, di una commissione speciale “operativa” per rispondere rapidamente all’emergenza sul nostro territorio».
«È necessario», per Carugo, «continuare a sostenere la crescita ed estendere il Fattore Famiglia a tutti i comuni lombardi».

SANITÀ. Su un settore dove la Corte dei Conti ha certificato l’efficienza lombarda, per Carugo c’è ancora molto da fare. «Bisogna aggiornare la legge 31 sulla Sanità per andare incontro meglio ai bisogni delle persone e per migliorare l’efficienza del sistema sanitario». Un esempio? «L’assistenza domiciliare agli anziani. Bisogna continuare a sostenerla. Abbiamo l’esperienza per farlo. La sanità lombarda va nella direzione giusta: promuovere risposte adeguate alle esigenze di carattere sociale a cui finora si è fornita una risposta strettamente sanitaria non è soltanto una scelta migliore ma anche sostenibile economicamente».