Google+

La nuova battaglia del grano e il protezionismo maccheronico

agosto 8, 2017 Pietro Paganini

il governo introduce l’indicazione obbligatoria di origine del grano per la pasta. Non un buon affare e qui si spiega il perché

grano-shutterstock_691147918

Peggio del protezionismo c’è solo il protezionismo maccheronico. Il primo promuove la prosperità economica attraverso la protezione dell’identità e della produzione nazionale limitando o addirittura evitando gli scambi commerciali e la contaminazione culturale, negando di fatto la società aperta. Il secondo, invece, usa la retorica protezionista per favorire interessi corporativi più o meno ristretti, di bottega, danneggiando non solo la libera iniziativa ma anche il più ampio interesse nazionale. Nel 1925 l’Italia fascista diede vita alla Guerra del Grano. Mussolini ambiva a sfamare gli italiani e a raggiungere l’autosufficienza alimentare incentivando la produzione di grano. Protezionismo. Si proibirono le importazioni e la maggior parte delle coltivazioni furono convertite a grano. L’Italia raggiunse anche il primato mondiale per capacità produttiva. Ma il costo fu molto elevato: impoverimento del sistema agricolo con abbandono di colture più ricche e redditizie e diminuzione degli investimenti e della capacità di fare innovazione, aumento dei prezzi, oltre che il fisiologico isolamento e la conseguente riduzione della libertà dei cittadini di commerciare.

Oggi, un secolo più tardi, il ministro dell’Agricoltura Maurizio Martina in compagnia del ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda promuovono una nuova battaglia del grano, introducendo l’indicazione obbligatoria di origine del grano per la pasta: ogni pacco di pasta dovrà riportare il paese da cui proviene il grano utilizzato per la semola. I due ministri vogliono promuovere la trasparenza ed indirettamente il Made in Italy, cioè il grano italiano. Purtroppo finiscono per tradire entrambe, creando un bel pasticcio. Protezionismo maccheronico.

(I) Questo decreto finirà per confondere il consumatore, illudendolo che il grano italiano è migliore di quello importato (Canada, Francia, USA, etc).

(II) I produttori di pasta sono spinti ad inseguire le paranoie del consumatore e costretti a modificare le proprie ricette e quindi il complesso processo di approvvigionamento, produzione e confezionamento. La bontà della pasta non dipende dall’origine del grano ma dalle sue qualità. Sta alla libertà di imprese ed imprenditori scegliere le miscele di grano da impiegare per garantirci un prodotto di qualità, a prezzi possibilmente competitivi per soddisfare un mercato più ampio.
I pastifici impiegano semole ottenute dalla macinazione di miscele di grano duro provenienti da paesi diversi, selezionate in base alle caratteristiche organolettiche, in particolare il tenore proteico, il glutine e la pigmentazione, che variano in funzione dei raccolti e dei fattori climatici.
Si importa grano duro dall’estero per soddisfare un fabbisogno annuo di 6 milioni di tonnellate – rispetto ad una produzione nazionale media di 3,5/4 milioni di tonnellate – ma soprattutto per rispondere alle esigenze qualitative che spesso il grano italiano non soddisfa.
Per garantire standard qualitativi costanti è quindi necessario adottare politiche di approvvigionamento flessibili, incompatibili con le rigidità che si vogliono imporre in materia di etichettatura.

(III) E’ evidente che questo decreto avrà ripercussioni spiacevoli dopo le fanfare della nuova retorica protezionista. Si scontrerà con il sacrosanto principio di libera concorrenza della Ue. La Commissione europea vuole evitare fenomeni di emulazione da parte degli altri membri ciascuno dei quali ha uno suo prodotto da difendere. Così come eventuali sanzioni a chi non applica la norma rischiano di finire impugnate davanti ad un giudice.

Forse è proprio questo che i due ministri cercano: promuovere un’iniziativa che è destinata a fallire per cause esterne (Ue, cause civili, etc.). Così facendo si accontentano i coltivatori illudendoli e non si scontentano i produttori di pasta lasciando fallire la riforma. È ormai una linea di condotta priva di qualsiasi ambizione che rispecchia la tattica per la sopravvivenza di questo governo: “noi ci abbiamo provato, ma purtroppo è andata male”. Si veda alla voce Libia, Ema (mani già avanti), Fincantieri, e i tanti dossier che circolano e che non ci vedono per nulla protagonisti. Certo, la vera riforma del settore agricolo non può spettare ad un governo di passaggio né tantomeno ad un Governo che favorisce la parte che urla di più rispetto a quella che produce ed esporta con successo uno dei prodotti simbolo del “Made in Italy” nel mondo, a prescindere dall’origine del grano.

Foto da Shutterstock

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

In quattro anni se ne possono preparare tante di novità e i ragazzi californiani non si sono certo risparmiati. A partire dal telaio, che dalla lega di alluminio è passato alla fibra di carbonio, nello specifico UHC Advanced con specifiche Felt, per poter meglio distribuire rigidezza e flex nei punti giusti. NUOVO TELAIO  La fibra […]

L'articolo Felt Compulsion m.y. 2018 proviene da RED Live.

Ispirata dalle moto café racer (e non solo), questa edizione limitata vuole segnare un'epoca. Con una personalizzazione originale e stilosa, sia fuori sia dentro l'abitacolo

L'articolo DS 3 Café Racer, quando la DS suona il rock proviene da RED Live.

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.

La terza generazione della Volkswagen Touareg si butta nella mischia dei SUV premium forte di numerosi accessori hi-tech. Disponibile per ora solo con motore 3.0 V6 TDI, ha prezzi che partono da 61.000 euro

L'articolo Prova Volkswagen Touareg 2018 proviene da RED Live.