Google+

La grande crisi dimenticata del Congo

marzo 4, 2018 Redazione

Villaggi bruciati, donne violentate, omicidi di massa. Cinque milioni di sfollati tra cui moltissimi bambini. Eppure i grandi media non ne parlano

Articolo tratto dall’Osservatore romano – Sono quasi 26.000 i bambini che dal primo gennaio scorso sono stati costretti — spesso da soli — a raggiungere l’Uganda per fuggire dalla Repubblica Democratica del Congo: più di 500 al giorno. A seguito dell’escalation delle violenze dei gruppi armati interni che hanno bruciato villaggi, violentato le donne e perpetrato omicidi di massa, il flusso degli arrivi in Uganda nelle scorse settimane ha raggiunto picchi di 3000 persone al giorno.

L’allarme è stato lanciato da diverse ong. Dall’inizio dell’anno circa cinque milioni di congolesi sono stati costretti a sfollare, anche all’interno del loro paese, a causa delle violenze. Si tratta di una delle maggiori emergenze internazionali nel panorama attuale, ma è quasi del tutto ignorata dai media.

La maggior parte dei rifugiati giunti in Uganda, circa 27.000 persone, sono fuggiti dalla regione Ituri attraversando il lago Albert su barche o canoe. Più di 15.000 sono arrivati invece dal Nord Kivu attraverso il confine sudoccidentale del paese. Secondo alcune fonti, il flusso si è recentemente ridotto perché i gruppi armati impediscono anche la fuga della popolazione. Le testimonianze raccolte sono drammatiche. Mwavita, una madre di 26 anni, è fuggita per salvare i propri bambini. «Hanno bruciato la mia casa e ucciso mio marito, sono scappata a piedi con i miei bambini, abbiamo camminato per tre giorni per arrivare in Uganda. I miei bambini chiedevano in continuazione “dove ci stai portando?” e io rispondevo che il loro papà era stato ucciso e avrebbero potuto uccidere anche noi, e loro di nuovo “chi si occuperà di noi?”. Spero che qui i miei bambini abbiano la possibilità di tornare a scuola perché non possiamo più tornare indietro, senza pace non possiamo tornare a casa».

Tra i bambini arrivati in Uganda quelli maggiormente a rischio sono i minori non accompagnati, 355 quelli identificati finora dalle organizzazioni presenti sul posto.
Francine, una mamma ugandese che ha 41 anni e 5 figli, ha preso in affido 14 bambini tra i rifugiati a Rwamwanja. L’organizzazione Save the Children l’ha aiutata a inserire alcuni di questi bambini a scuola fornendole scarpe, vestiti, sapone, libri e penne. «Mi occupo di questi bambini perché sono diventati la mia famiglia, nessun altro si può occupare di loro. I loro genitori sono morti, ci sono solo io, non posso rinunciare a occuparmi di loro. Spero che possano finire la scuola, avere una buona vita e che in futuro possano essere in grado di occuparsi di loro stessi».

Il nostro staff — ha dichiarato Filippo Ungaro, Direttore Comunicazione di Save the Children Italia appena rientrato da una missione in Uganda — «sta facendo ogni sforzo per aiutare questi bambini che per attraversare il confine affrontano gravi rischi, come quelli che sono naufragati per il ribaltamento delle canoe cariche a dismisura, e che hanno assistito a violenze che nessun bambino dovrebbe mai conoscere. Abbiamo bisogno di più risorse per fornire il supporto adeguato di cui necessitano».

La crisi congolese fa paura a molti analisti. «La crescente instabilità politica e la gigantesca crisi umanitaria nella Repubblica Democratica del Congo nel 2018 daranno origine a una mega-crisi nel continente africano» afferma Ulrika Blom, direttrice del Consiglio norvegese per i rifugiati nella Repubblica Democratica del Congo, che nella prima decade di dicembre ha lanciato l’allarme sulla deriva della crisi politica e umanitaria, che sta minando la regione dei Grandi Laghi.

L’ondata di violenze — dovuta soprattutto alle rivalità tra bande locali per la gestione delle risorse — è alimentata dall’instabilità politica dovuta alla contestata decisione del presidente Josef Kabila, in carica dal 2001, di ricandidarsi per un nuovo mandato contro il dettame della Costituzione.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

Tutto quello che c'è da sapere sull'auto formato business, dalle motorizzazioni che vanno di più agli optional irrunciabili, passando per carrozzerie e colori

L'articolo Auto aziendale, come scegliere quella giusta? proviene da RED Live.

Il model year 2019 della roadster jap aggiunge 24 cv al 2 litri benzina e una serie di novità nella sicurezza. Per una roadster ancora più "jinba ittai"

L'articolo Mazda MX-5 2019, più cavalli e sicurezza proviene da RED Live.

Lanciata dal marchio inglese Oxford la linea Mint, dal caratteristico profumo di menta, comprende prodotti per la pulizia e la manutenzione dei veicoli a due ruote

L'articolo Gamma Oxford Mint Cleaning proviene da RED Live.

215 cv, 10 kg in meno e il debutto delle alette aerodinamiche. Questa versione speciale della RSV4 RF allestita con pezzi di Aprilia Racing di carne al fuoco ne mette davvero tanta. E noi ce la siamo gustata dal primo all’ultimo boccone. Al Mugello, dove le ali servono davvero.

L'articolo Prova Aprilia RSV4 RF FW 2018 proviene da RED Live.

Diventate capienti come le familiari grandi di qualche anno fa, le SW medie stanno vivendo una seconda giovinezza. Così come la Peugeot 308 SW GT Line, che ora si aggiorna nella tecnologia e diventa ancora più “connessa”. Schermo generoso e Mirror Screen La succosa novità della Peugeot 308 SW GT Line è la presenza di […]

L'articolo Peugeot 308 SW GT Line, <BR> adesso “parla” con lo smartphone proviene da RED Live.