Ipocrisia Pisapia. Passato il Papa, Milano dà il via al registro per le coppie di fatto

Si è aspettato solo che il Family 2012 finisse e poi, ieri, in Comune, 26 consiglieri hanno presentato «la proposta di delibera di iniziativa consiliare, con regolamento, sulle unioni civili».

“Ora che il Papa se ne è andato via libera alle coppie di fatto”. Non ha tutti i torti oggi Il Giornale a titolare così un articolo che spiega che ieri è stata depositata in Comune a Milano «la proposta di delibera di iniziativa consiliare, con regolamento, sulle unioni civili». L’idea circolava da tempo, tanto che già nei giorni precedenti il Family 2012, era scoppiata la polemica se fosse opportuno che negli stessi giorni in cui la città ospitava Benedetto XVI si desse il via al regolamento sulle unioni civili. Polemica un po’ assurda, in realtà, perché anziché dibattere se fosse opportuno o meno il registro, si discuteva dell’opportunità di evitare l’incrociarsi cronologico degli eventi. Ma tant’è, almeno la forma è stata preservata.

Ieri la delibera è stata presentata con il sostegno di 26 consiglieri. La proposta sarà discussa martedì prossimo dalle commissioni Affari istituzionali e Pari opportunità e poi approderà in aula. Dopo l’approvazione del bilancio, è prevista la discussione. D’altronde il sindaco meneghino Giuliano Pisapia l’aveva promesso: «Se il consiglio comunale entro la fine di quest’anno non troverà una soluzione, ci penserà la giunta a prendere provvedimenti».