«Intolleranza religiosa aggressiva»: vescovi europei contro l’attacco delle Femen all’arcivescovo di Bruxelles

Le attiviste erano piombate addosso all’arcivescovo Leonard a seno nudo, vuotandogli addosso boccette di acqua santa. «Totalmente prive di credibilità»

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il Consiglio delle conferenze episcopali europee (Ccee) ha voluto esprimere con una lettera solidarietà all’arcivescovo di Bruxelles, Andre-Joseph Leonard, aggredito settimana scorsa da alcune attiviste del gruppo Femen durante una lezione all’Università Ulb di Bruxelles.

INTOLLERANZA RELIGIOSA. Per protestare contro «l’omofobia della Chiesa», le attiviste sono piombate addosso all’arcivescovo a seno nudo, vuotandogli addosso boccette di acqua santa. In un comunicato diffuso ieri mattina, il Ccee ha espresso a monsignor Andre-Joseph Leonard «sincera vicinanza e solidarietà», condannando «queste forme aggressive d’intolleranza religiosa».

MANCA LIBERTÀ DI ESPRESSIONE. Il Ccee ha anche ribadito la posizione della Conferenza episcopale del Belgio secondo cui «una discussione democratica sulle questioni della società non è possibile se non è permesso a tutti di esporre le proprie idee con mutuo rispetto e nella libertà di espressione». I vescovi belgi avevano attaccato Femen affermando che le loro provocazioni sono «totalmente prive di credibilità e senso civico e in totale contraddizione con il tema del dibattito e con lo stile con cui la Chiesa cattolica si pone in dialogo in un contesto pluralista».

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •