Google+

Il 1993 non è mai finito

maggio 27, 2017 Alessandro Giuli

Il principato renziano è la dimostrazione che poco o nulla è stato realizzato dalla politica per emendare se stessa e costringere la magistratura a rinfoderare le armi

ANTONIO-DI-PIETRO-ANSA

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Un numero speciale sul 1993: l’anno del Terrore, secondo i cultori del garantismo; l’anno dell’inesorabile assalto da parte delle procure al regime partitocratico e corrotto, secondo i fautori della via giudiziaria alla moralizzazione. Inutile ricordare che questo giornale conserva sulla stagione di Mani pulite un giudizio assai critico ma realistico: è sempre colpa di chi muore e, di fatto, fu appunto il Palazzo politico della Prima Repubblica a mettere in scena un suicidio di massa di fronte al Moloch in toga guidato dal pool di Milano impegnato, sì, a scavare nella terra limacciosa del finanziamento illecito ai partiti, ma al tempo stesso depositario – il gruppo di magistrati stretti intorno al procuratore capo Francesco Saverio Borrelli e ad Antonio Di Pietro – di una malriposta aspettativa di palingenesi dalla quale germogliarono abusi e dismisure mai abbastanza esecrati.

Quest’anno ricorre il venticinquennale di Tangentopoli, numerosi protagonisti di quell’epoca si sono defilati, altri hanno corretto le proprie posizioni, altri ancora sono scomparsi sottoterra o in qualche anfratto della memoria. Apprezzabili conversioni, per esempio quella dell’ex comunista e togato Luciano Violante – transitato nell’arco di due decenni dal fronte manettaro a quello dei denunciatori della così detta “società giudiziaria” –, hanno finalmente messo in questione il perverso rapporto tra politica, magistratura e mass media che ha prolungato fino ai giorni nostri lo stato d’eccezione del biennio 1992-1993.

Ed ecco il punto. Se il ventennio berlusconiano è stato un arco teso tra due Italie irrisolte sotto vari aspetti, da quello istituzionale a quello delle riforme economiche, il principato renziano è la dimostrazione che poco o nulla è stato realizzato dalla politica per emendare se stessa e costringere la magistratura a rinfoderare le armi messe a sua disposizione dal legislatore. L’inamovibile obbligatorietà dell’azione penale, la mancata separazione delle carriere, l’utilizzo spesso strumentale della carcerazione preventiva, le porte girevoli tra il Parlamento e le aule giudiziarie, la corsia preferenziale che collega le prime pagine dei giornali con i cassetti roventi in cui ribollono intercettazioni prive di rilievo penale e altri atti coperti da segreto investigativo: sono malanni culturali ancora intatti. E sui quali soltanto adesso, tardivamente, la sinistra al governo cerca di sollevare l’onda emotiva dell’urgenza riformatrice, stretta com’è tra i guai della famiglia Renzi e il cortocircuito tra le procure di Roma e Napoli.

Insomma il 1993 è anche oggi, e per certi versi oggi è peggio di allora: la politica ha dissipato un’altra consistente riserva del proprio credito di fronte agli elettori, la magistratura si è ulteriormente frammentata in blocchi, rendite e correnti in competizione frenetica nell’arrogarsi la palma della funzione salvifica ma unite nella resistenza alla messa in discussione delle casematte irriformabili, a cominciare dal Csm. In questo quadro prende forma il nostro numero speciale e solo in apparenza retrospettivo. Come leggerete nel dialogo tra due campioni della materia, l’avvocato ed ex sindaco Giuliano Pisapia e il magistrato Carlo Nordio, il 1993 non può ripetersi nelle stesse sembianze e tuttavia una profilassi efficace contro il virus mediatico-giudiziario non è mai stata nemmeno codificata.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

In quattro anni se ne possono preparare tante di novità e i ragazzi californiani non si sono certo risparmiati. A partire dal telaio, che dalla lega di alluminio è passato alla fibra di carbonio, nello specifico UHC Advanced con specifiche Felt, per poter meglio distribuire rigidezza e flex nei punti giusti. NUOVO TELAIO  La fibra […]

L'articolo Felt Compulsion m.y. 2018 proviene da RED Live.

Ispirata dalle moto café racer (e non solo), questa edizione limitata vuole segnare un'epoca. Con una personalizzazione originale e stilosa, sia fuori sia dentro l'abitacolo

L'articolo DS 3 Café Racer, quando la DS suona il rock proviene da RED Live.

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.

La terza generazione della Volkswagen Touareg si butta nella mischia dei SUV premium forte di numerosi accessori hi-tech. Disponibile per ora solo con motore 3.0 V6 TDI, ha prezzi che partono da 61.000 euro

L'articolo Prova Volkswagen Touareg 2018 proviene da RED Live.