La Grecia in crisi svende le sue case. Appartamenti in centro ad Atene o a Corfù per poche migliaia di euro

Abitazioni di 50 metri quadri in quartieri centrali come Kypseli, Patisia e Agios Panteleimon possono costare anche meno di diecimila euro. Affari persino nelle località turistiche più belle del Paese

Appartamenti in saldo in Grecia. Nel centro di Atene, ma anche a Salonicco, Patrasso o nelle turistiche Corfù e isola di Creta si può comprare un’abitazione o uno studio di almeno un paio di locali perfettamente agibili a diecimila euro e anche meno. È uno degli effetti della crisi descritto in un reportage dal quotidiano economico ellenico Imerisia sulla base di dati dell’Unione proprietari immobiliari (Pomida).

SCAPPANO GLI STRANIERI. «La città i cui prezzi sono letteralmente crollati rispetto a cinque anni fa – spiega Dimitri Deliolanes su Il Foglio – è Atene, specialmente nel centro della città, abbandonato da decenni al degrado». Quello che è successo, infatti, è che quartieri centrali come Kypseli, Patisia e Agios Panteleimon, gradualmente abbandonati nel corso degli anni dai residenti greci per essere sostituiti dagli immigrati, sono ora lasciati anche da loro, che se ne tornano in patria. Specialmente gli albanesi, che sono la prima comunità straniera in Grecia.

VILLETTE IN SALDO. «Gli appartamenti in cui vivevano, spesso in affitto, qualche volta di proprietà, sono rimasti vuoti – aggiunge Deliolanes – e sui proprietari pesano le tasse e i costi di mantenimento». Spese che non tutti possono più permettersi, soprattutto a fronte dei mancati introiti dell’affitto. Motivo per cui ora molti appartamenti sono stati messi in vendita. Qualche esempio? Appartamenti di 55 metri quadri in palazzi storici a Kypseli, per di più in ottime condizioni, si vendono a undicimila euro; 68 metri quadri a Patisia per settemila euro; 50 metri quadri a Salonicco per diecimila euro; e una villetta con giardino a Corfù per diecimila euro.