Google+

Germania nel panico: perché la Russia di Putin non interferisce nelle nostre elezioni?

settembre 11, 2017 Redazione

Come si dice maccartismo in tedesco? I politici teutonici si sono convinti che hacker russi proveranno a manipolare il risultato delle elezioni del 24 settembre e siccome tutto dice il contrario, i sospetti aumentano

Election campaign posters of German Chancellor Angela Merkel, right, reading: "Clever, Cool-headed, Resolute  That Our Country Remains On The Course Of Success". and her challenger Martin Schulz of the Social Democrats, left, reading: " It Is Time To Solve Europe's Problems Instead Sitting On The Sidelines. "  are displayed in  a street in Berlin, Tuesday, Sept. 5, 2017. General election for a new parliament will take place in Germany on Sunday, Sept. 24, 2017. (AP Photo/Markus Schreiber)

Tra due settimane si terranno le elezioni federali in Germania e nei circoli intellettuali, così come lungo i corridoi delle stanze del potere, in tanti si domandano: perché la Russia non ha ancora cercato di interferire? È da un anno che il fantasma dell’hacker russo viene agitato da tutti gli schieramenti politici, convinti che Vladimir Putin abbia assoldato un esercito di manipolatori cibernetici per pilotare il voto a piacimento. E siccome non è ancora successo niente, il neo-maccartismo teutonico è andato in tilt.

IL FURTO DI DATI. Nel 2015 un attacco informatico ai computer del Parlamento tedesco ha permesso a ignoti di rubare 16 gigabyte di dati, tra cui milioni di e-mail. Il dito è stato puntato subito contro presunti hacker russi e anche se nessuno è mai stato in grado di dimostrare la veridicità delle accuse, i politici tedeschi si sono convinti che prima o poi qualche scandalo sarebbe stato portato alla luce prima delle elezioni usando quell’enorme mole di dati. Il fatto che per ora non sia accaduto nulla non fa che aggiungere nuovi inquietanti interrogativi.

«PERCHÉ MOSCA STA ASPETTANDO?». «Perché Mosca sta aspettando a fare le sue mosse? Non mi fa stare tranquillo», ha dichiarato al Washington Post Maksymilian Czuperski, direttore dell’Atlantic Council’s Digital Forensic Research Lab. La scorsa settimana alcuni addetti alla cybersicurezza in Germania hanno messo in guardia il governo da una possibile intromissione russa: potrebbero intervenire nel momento in cui ogni collegio elettorale, una volta raccolti i voti, invia i risultati all’amministrazione centrale via internet. Successivi controlli da parte dell’intelligence però non hanno riscontrato nessuna minaccia ma le voci non si sono spente.

NEANCHE UNA FAKE NEWS. Il Cremlino è accusato di avere facilitato in modo decisivo la vittoria di Donald Trump ai danni di Hillary Clinton negli Stati Uniti. Per il momento non è stata ancora prodotta nessuna prova decisiva del coinvolgimento del governo russo ma a Berlino temono che le stesse tattiche verranno usate nelle elezioni tedesche per favorire il partito di estrema destra (Afd). I sondaggi, inconsapevoli del pericolo, continuano ostinatamente a dire che il partito di Angela Merkel stravincerà le elezioni, surclassando sia Afd sia i socialdemocratici di Martin Schulz. Ma neanche questo ha sopito i sospetti.
«Non abbiamo trovato alcuna prova di cyberattacchi avvenuti o imminenti da parte della Russia», ha dichiarato Volker Wagner, a capo dell’Associazione tedesca per la sicurezza nell’industria e nel commercio, che collabora con gli 007 tedeschi. Anche l’ondata di temutissime “fake news” previste da tutti i giornali non si è vista. Perché, si sono chiesti tutti?

MACCARTISMO TEUTONICO. Qualcuno ha ipotizzato che la Germania sia più brava degli Stati Uniti a difendersi, altri hanno argomentato che siccome l’economia tedesca «è un vasto mercato per le aziende russe», il Cremlino non ha intenzione di «mordere la mano che gli dà da mangiare», altri ancora hanno affermato che il vantaggio della Merkel è così grande che gli hacker russi si sono scoraggiati, gli ultimi hanno infine sostenuto che nelle mail trafugate (e vale la pena ricordare ancora una volta che nessuno ha mai dimostrato che siano stati i russi), Mosca non ha trovato nulla di interessante perché i politici tedeschi sono integerrimi. A nessuno è venuto in mente che quella dell’intromissione degli hacker russi pagati dal Cremlino potrebbe essere la più grande delle fake news. Come si dice maccartismo in tedesco?

Foto Ansa/Ap

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

In quattro anni se ne possono preparare tante di novità e i ragazzi californiani non si sono certo risparmiati. A partire dal telaio, che dalla lega di alluminio è passato alla fibra di carbonio, nello specifico UHC Advanced con specifiche Felt, per poter meglio distribuire rigidezza e flex nei punti giusti. NUOVO TELAIO  La fibra […]

L'articolo Felt Compulsion m.y. 2018 proviene da RED Live.

Ispirata dalle moto café racer (e non solo), questa edizione limitata vuole segnare un'epoca. Con una personalizzazione originale e stilosa, sia fuori sia dentro l'abitacolo

L'articolo DS 3 Café Racer, quando la DS suona il rock proviene da RED Live.

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.

La terza generazione della Volkswagen Touareg si butta nella mischia dei SUV premium forte di numerosi accessori hi-tech. Disponibile per ora solo con motore 3.0 V6 TDI, ha prezzi che partono da 61.000 euro

L'articolo Prova Volkswagen Touareg 2018 proviene da RED Live.