Google+

A che punto è la fame in Venezuela

settembre 21, 2016 Redazione

Secondo una rilevazione ad agosto quasi il 16 per cento dei cittadini è stato costretto a rovistare tra i rifiuti per mangiare. Uno su due va a letto affamato

venezuela-crisi-colombia-ansa

Probabilmente il termine più corretto per descrivere la situazione del Venezuela ormai è “carestia”. Tra l’8 e il 12 agosto More Consulting ha intervistato duemila persone che vivono nel paese e il quadro che queste hanno restituito è spaventoso. Addirittura 15,7 per cento dei cittadini – si legge in un articolo del quotidiano americano in lingua spagnola Diario Las Americas, che riprende la ricerca di More Consulting – per mangiare qualcosa è costretto a rovistare tra i «rifiuti alimentari degli stabilimenti commerciali».

ZERO PROTEINE. Sono mesi che si parla delle crescenti tensioni politiche tra il presidente Nicolas Maduro e l’opposizione. Si sono viste diverse foto di code infinite di persone all’ingresso di supermercati con gli scaffali vuoti. Arrivano stime impressionanti come quella secondo cui l’inflazione nel paese potrebbe toccare il 700 per cento quest’anno. Ma per capire fino a che punto la popolazione è stata messa in ginocchio dalla rivoluzione socialista bolivariana di Chávez e del suo successore, bisogna leggere questi numeri. Il 72 per cento dei venezuelani (tre su quattro), secondo More Consulting, non riesce a mantenere la dieta “normale” di tre pasti durante il giorno. Il 24,2 per cento rinuncia quasi sempre alle proteine, accontentandosi dei carboidrati offerti dai tuberi come la malanga.

MERCATO NERO E ARRESTI. Il posto dove si trova da mangiare è il mercato nero per il 52,3 per cento degli intervistati. Di più ancora sono quelli che hanno ammesso di avere provato l’esperienza di andare a dormire la sera affamati (53,9 per cento). Quasi uno su due (48 per cento) si è assentato dal lavoro per andare a caccia di qualcosa da mettere sotto i denti. Intanto si moltiplicano a dismisura gli arresti di venezuelani intercettati in possesso di cibo ritenuto di origine sospetta (mercato nero, appunto), ma anche semplicemente “beccati” ad attendere fuori dai negozi chiusi o a raccogliere più provviste di quelle consentite dal rigido razionamento imposto da Maduro. Decine di migliaia in questi giorni hanno dovuto attraversare il confine con la Colombia per fare una spesa decente.

16 STIPENDI PER MANGIARE. A giugno era stato il New York Times a raccontare la fame del Venezuela, citando i dati raccolti dall’Università Simón Bolívar. Il quotidiano statunitense definiva «sconvolgente» la percentuale di venezuelani che dicevano di non potersi permettere economicamente cibo a sufficienza per sfamarsi, e cioè l’87 per cento. E nello stesso articolo si legge ancora: «Circa il 72 per cento del salario mensile viene speso solo per acquistare alimenti, secondo il Centro di documentazione e analisi sociale, un gruppo legato alla Federazioni degli insegnanti venezuelani. In aprile [il Centro] ha scoperto che una famiglia ha bisogno dell’equivalente di 16 salari minimi per nutrirsi come si deve. Chiedete alle persone quando hanno mangiato l’ultima volta, molti risponderanno che non è stato oggi». Per Maduro ovviamente anche questa tragedia è frutto di un complotto contro di lui: se la gente ha fame è perché i produttori alimentari fanno la «guerra economica» al governo.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Piegano come una moto (a volte pure di più) ma offrono più sicurezza e abitabilità. Con un buon "allestimento" possono essere una valida alternativa all'auto offrendo velocità e agilità da scooter e protezione (anche dei vestiti) da auto. Sono i mezzi a tre ruote, sia scooter sia moto, con sistema di basculamento. Quasi tutti scooter hanno però una guest star. Ecco quali sono e come vanno.

L'articolo Moto e scooter, quando due ruote non bastano. Ecco i migliori tre ruote proviene da RED Live.

I prezzi partono da 24.650 euro, quattro gli allestimenti disponibili

L'articolo Peugeot 2008, arriva il 1.5 BlueHDi con cambio automatico proviene da RED Live.

Per chi vuole qualcosa in più della solita Sport Utility, con l'accento sulla sportività. Farà il suo debutto ufficiale al Salone di Parigi, in ottobre

L'articolo Skoda Karoq Sportline, la SUV che va di fretta proviene da RED Live.

Al debutto l'EAT6 con il BlueHDi da 120 cv, già in regola con la normativa Euro 6.2.

L'articolo Citroën C3 Aircross, il cambio automatico arriva anche sulla Diesel proviene da RED Live.

L’originale tre ruote Piaggio compie 70 anni e li festeggia con un grande raduno a Salsomaggiore Terme. Le iscrizioni sono aperte

L'articolo Euro Ape 2018, dal 21 al 23 settembre 2018. Info e iscrizioni proviene da RED Live.