Ecco mia Madre. Maria nell’esperienza di una vita

Dal monito di papa Francesco all’ultimo libro di Rosanna Brichetti Messori, una testimonianza personale della necessità di Maria nella vita dell’uomo di oggi

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ricevendo in udienza migliaia di volontari e assistiti dell’Unione nazionale italiana trasporto ammalati a Lourdes e santuari internazionali, papa Francesco ha caldamente raccomandato di riscoprire «le ragioni più profonde» della spiritualità che fa riferimento alla Vergine Santa.

IL LIBRO. È proprio dell’esperienza quotidiana della vicinanza alla Madonna che Rosanna Brichetti Messori ci parla nel suo ultimo libro, Ecco mia Madre. Maria nell’esperienza di una vita (Fede & Cultura, Verona 2013, pp. 128, € 12), nel quale presenta la devozione alla Vergine Maria come la via privilegiata per risvegliare ed esprimere oggi la fede cristiana. Sì, a maggior ragione in tempi come gli attuali caratterizzati dall’iper-tecnologizzazione, dall’individualismo e dall’aridità, perché non è un caso che sono così affollati i pellegrinaggi a Lourdes, Fatima, Medjugorje e Guadalupe, «luoghi pieni di vita perché attestano la presenza tuttora operante della Madonna che si esprime in guarigioni fisiche ma soprattutto spirituali». L’autrice racconta quindi la propria personale esperienza di quest’amore liberante e presenta spunti di riflessione sui temi mariani, per spiegare come Maria operi concretamente nel nostro cuore per aprirlo verso l’alto, attraverso il suo amore materno, e interceda presso il Padre per ottenere tutte quelle grazie di guarigione di cui abbiamo bisogno.

LA TRADIZIONE MARIANA. La Brichetti raccoglie in questo libro molti dei contributi pubblicati nella rubrica “La tradizione spirituale”, curata mensilmente per il mensile il Timone, recando con il suo scrivere caldo e confidenziale una testimonianza personale e coinvolgente di come la Vergine Maria operi nella vita di ciascuno intercedendo in favore di tutti i cristiani. Dopo essersi laureata in giurisprudenza all’università di Milano l’autrice si è specializzata in sociologia a Roma e in teologia ad Assisi. Collaboratrice di giornali e riviste, con esperienza di editing per importanti editori, ha finora pubblicato diversi saggi di spiritualità, fra i quali per le edizioni Sugarco di Milano Credere per vivere. Alla riscoperta della fede cristiana (2007), con un Preambolo del marito Vittorio Messori, Mi chiamo «sì». Raccolta di scritti di suor Maria Estella Gregorat (2009) e Fede: un incontro non una teoria. Sulla via di Emmaus per ritrovare Gesù (2009).

DEVOZIONE POPOLARE. Nella collana I Quaderni de “il Timone” ha scritto invece due veri e propri “vademecum” per la devozione popolare come La Medaglia miracolosa (2011), dedicato alla spiritualità inaugurata nel 1830 dalle apparizione mariane a santa Catherine Labouré (1806-1876) e Sacri cuori di Gesù e di Maria. Che cosa ha voluto dirci il cielo? (2012), sulle straordinarie apparizioni di Gesù e di Maria a Paray-le-Monial, Rue du Bac, Lourdes, Pellevoisin, Fatima ed all’“apostola della Divina Misericordia”, suor Faustina Kowalska (1905-1938).

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •