Google+

Ebola. «Ti ringraziamo Dio perché ci tieni in vita». Così si prega nelle chiese della Liberia, dove l’epidemia è fuori controllo

settembre 17, 2014 Leone Grotti

«Disperati» i medici volontari: «Non sappiamo quanto riusciremo a resistere: è come essere in guerra». E Obama invia tremila uomini per frenare il contagio

«Siamo disperati. Su tutti i fronti». All’ospedale dell’organizzazione missionaria cristiana Samaritan’s Purse, in Liberia, hanno abbandonato i mezzi termini da tempo. L’epidemia di Ebola che ha investito il paese africano è fuori controllo e anche i medici volontari, che rischiano ogni giorno di infettarsi curando i malati, cominciano ad accusare il colpo: «Dopo un po’ la situazione scuote i tuoi nervi e molti non reggono», dichiara al Washington Post il volontario americano Lance Plyler.

ebola-tempi-copertinaAIUTI AMERICANI. Per contrastare il virus che si è diffuso soprattutto in Liberia, Sierra Leone e Guinea, il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha deciso di inviare nell’Africa occidentale tremila soldati medici, infermieri, ingegneri e operai. Il costo dell’operazione potrebbe raggiungere i 750 milioni di dollari, che serviranno a costruire almeno 17 centri medici con mille posti letto ciascuno e formare 500 medici alla settimana.
L’epidemia ha già portato alla morte almeno 2.400 persone, infettandone circa il doppio, con un tasso di mortalità che si aggira intorno al 54,5 per cento. Per capire quanto il virus sia pericoloso, basta pensare che secondo l’Oms gli infettati saranno 250 mila entro Natale. Per avere la stima delle vittime, basta fare il conto.

«COME SISIFO». L’Oms ha affermato che per contrastare l’epidemia servono almeno altri 500 dottori e mille infermieri, ma trovare volontari non è facile. Dallo scoppio dell’epidemia sono già morti circa 120 medici e chi è rimasto parla come Joanne Liu, direttore internazionale di Medici senza frontiere (Msf): «Siamo al punto di rottura. I miei mi dicono: “Non sappiamo quanto riusciremo a resistere”». Il sentimento che si genera è descritto da Sylvia Wamser, psicologa austriaca che ha lavorato in Sierra Leone con Msf: «I volontari lavorano troppo e si sentono inutili e colpevoli. Si sentono come Sisifo: cerchi di fare del tuo meglio ma sai che bisognerebbe fare di più».

ebola-liberia-chiesa1«COME ANDARE IN GUERRA». Che non sia facile trovare nuovi volontari è più che comprensibile: «È davvero simile ad andare in guerra – continua Plyler – è come combattere in prima linea». C’è chi fa il giro tra i letti dei malati, chi igienizza e disinfetta i locali, chi seppellisce i cadaveri. A detta dei medici, però, il lavoro più difficile è quello di chi sta alle porte dell’ospedale ed è costretto respingere i malati di Ebola perché non c’è più posto. Purtroppo questo succede tutti i giorni nel campo di Msf a Monrovia, capitale della Liberia.

«TI RINGRAZIAMO DIO». Nonostante ogni evento sia stato cancellato in Liberia, per la paura che il contagio si diffonda più velocemente, gli abitanti della capitale non hanno rinunciato ad andare in chiesa. È l’unico posto, spiega il Washington Post, che dà ancora speranza alla gente. Di domenica le chiese si affollano ma dal tono delle preghiere si deduce la gravità del momento: «Dio, Tu sei il più grande. Ti ringraziamo perché ci mantieni in vita».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Ridisegnata nei dettagli e capace di offrire un allestimento più ricco, la Ford Ecosport sta riuscendo a ritagliarsi una fetta importante del mercato SUV. Il motore TDCi da 100 cv è il cuore giusto per lei? Scopriamolo in questa prova

L'articolo Prova Ford Ecosport 2018 <br> il bello della concretezza proviene da RED Live.

Nasce sulla base del Crafter e promette praticità e abitabilità da camper. A fine agosto ne sapremo di più

L'articolo Volkswagen Grand California, perché la vita è un viaggio proviene da RED Live.

Piegano come una moto (a volte pure di più) ma offrono più sicurezza e abitabilità. Con un buon "allestimento" possono essere una valida alternativa all'auto offrendo velocità e agilità da scooter e protezione (anche dei vestiti) da auto. Sono i mezzi a tre ruote, sia scooter sia moto, con sistema di basculamento. Quasi tutti scooter hanno però una guest star. Ecco quali sono e come vanno.

L'articolo Moto e scooter, quando due ruote non bastano. Ecco i migliori tre ruote proviene da RED Live.

I prezzi partono da 24.650 euro, quattro gli allestimenti disponibili

L'articolo Peugeot 2008, arriva il 1.5 BlueHDi con cambio automatico proviene da RED Live.

Per chi vuole qualcosa in più della solita Sport Utility, con l'accento sulla sportività. Farà il suo debutto ufficiale al Salone di Parigi, in ottobre

L'articolo Skoda Karoq Sportline, la SUV che va di fretta proviene da RED Live.