Google+

Doveva recarsi in Australia per parlare dell’aborto, ma gli hanno negato il visto. Attivista pro-life arrestato e rimpatriato

ottobre 3, 2015 Benedetta Frigerio

Troy Newman è stato accusato di essere violento. Partito lo stesso per l’Australia, i giudici hanno ordinato di rimpatriarlo in America

Dovrà tornare negli Stati Uniti Troy Newman, leader dell’organizzazione pro-life Operation Rescue e membro del Center for Medical Progress (Cmp), che con una serie di video “undercover” ha sollevato un enorme scandalo sulla compravendita di tessuti e organi di bambini abortiti nelle cliniche della Planned Parenthood. L’attivista era stato invitato dalla Right to Life Association australiana per parlare dello scandalo, ma gli è stato revocato il visto all’ultimo minuto. Imbarcatosi ugualmente sull’aereo, è stato fermato e detenuto all’aeroporto di Melbourne.

VISTO CANCELLATO. Pochi giorni prima dell’arrivo di Newman, una parlamentare laburista, Terri Butler, dopo averlo bollato come un “anti-choice” estremista, ha chiesto al ministro dell’Immigrazione, Peter Dutton, di fermare l’uomo sostenendo che la sua visita avrebbe «causato un male significativo alla nostra comunità». Dutton ha quindi confermato la cancellazione del visto e ne ha dato comunicazione a Newman quando già si trovava all’aeroporto di Los Angeles. Qui, Newman ha voluto ugualmente imbarcarsi, nonostante il suo visto non fosse più valido e in Australia è stato arrestato.

LA POLEMICA SUL LIBRO. L’attivista è stato giudicato dal governo australiano «violento» e accusato di aver chiesto in un suo libro l’esecuzione dei medici che praticano aborti e di aver definito le donne come assassine. Per Newman si tratta di «una montagna di bugie». Come spiega Cheryl Sullenger, co-autrice del libro incriminato, Their Blood Cries Out, «nel libro abbiamo sì citato passaggi biblici sull’omicidio, come Genesi 9:6 (“Il sangue di colui che spargerà il sangue dell’uomo sarà sparso dall’uomo”), ma abbiamo affermato molte volte che non sosteniamo la violenza, anzi, non sosteniamo neanche la disobbedienza civile».

«È DAVVERO TRISTE». Margaret Tighe, presidente della Right to Life Australia, ha dichiarato che «la ragione per cui vogliono fermarlo sta nel fatto che lui è sempre stato molto efficace, l’unica ragione è che vogliono limitare la sua libertà di espressione. (…) Quello che è successo è davvero triste». L’avvocato di Newman ha fatto appello contro l’ordine di rimpatriare il suo assistito negli Stati Uniti, ma l’Alta Corte ha confermato il verdetto. Newman ha ora un mese di tempo per fare ricorso in America contro la cancellazione del visto. Intanto, in attesa di essere rimpatriato, ha fatto sapere che «è evidente che il popolo abortista non vuole far sentire a nessuno la verità sulle azioni illegali della Planned Parenthood».

Foto Ansa/Ap


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. SUSANNA ROLLI says:

    Caro attivista (non ho letto tutto),
    ma ti sei stupito? Probabilmente noi pro life (io sono abbonata al Sì alla vita) di ‘sto passo finiremo in galera. E non mi stupirei affatto.

  2. Sebastiano says:

    Mi piace immaginare cosa sarebbe successo se un rappresentante della lobby lgbtxyzkh fosse stato fermato e rimpatriato all’aeroporto di Mosca. Vedo già folle oceaniche in sua difesa e servizi su tutti i telegiornali in difesa del diritto di espressione.
    Su questo, silenzio tombale.
    E sì che l’Australia non è l’Arabia Saudita…

    • xyzwk says:

      Visto che ti piace tanto, la cultura omofoba della Russia, ti faccio solo presente che questo Paese è tra quelli che che ha tra le più alte percentuali di ricorso all’aborto!

      • Sebastiano says:

        Sei stato troppo al sole, sul binarietto morto.
        Rileggiti bene cosa dice l’articolo e poi, rovistando fra i tuoi neuroni scassati, ricordati del gran battage da circo equestre che è apparso su tutti i giornali quando tale Luxuria è stato arrestato e rimpatriato da Mosca.
        Allora vi siete stracciate le vesti e le mutande per affermare che il diritto di espressione era cosa sacra e inviolabile e che la Russia era un paese incivile.
        Ora pare che vi siate dimenticati dello stesso diritto, e per giunta in un paese che considerate civilissimo.
        Non che mi sorprenda: il diritto di parlare lo attribuite solo a chi la pensa come voi.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

Leggero, scattante, comodo. Il C400X dimostra ottime doti dinamiche ha un bel motore e, per primo, un sistema di connessione molto evoluto. Riuscirà a combattere contro i mostri sacri del segmento? Lo abbiamo provato per capirlo

L'articolo Prova BMW C 400 X <br> lo scooter che non ti aspetti proviene da RED Live.

Comfort, connettività, sicurezza e design al servizio delle aziende

L'articolo Renault presenta la gamma Business proviene da RED Live.

Pronta al debutto al prossimo Salone di Parigi, la wagon del Leone getta il guanto di sfida alle rivali premium. Con un sacco di argomenti, a cominciare dal design

L'articolo Nuova Peugeot 508 SW, cambio di rotta proviene da RED Live.

Sostituisce la Serie 6 e diventa la M più potente mai prodotta. Trazione integrale, quattro ruote sterzanti, eleganza e opulenza. Per andare veloci in qualunque condizione

L'articolo BMW Serie 8 Coupé, a volte ritornano proviene da RED Live.

In programma dal 20 al 22 luglio al Misano World Circuit, il WDW (World Ducati Week) di quest’anno si preannuncia rovente: i piloti Ducati si sfideranno in sella alla Panigale V4 S.

L'articolo The Race of Champions: la sfida tra campioni al WDW 2018 proviene da RED Live.