Divorce Hotel. L’Olanda vuole fare un reality sul divorzio veloce

Come lucrare e spettacolarizzare la fine di un amore. Spa e carte bollate, è la nuova frontiera della tv dei Paesi Bassi

Olanda, il business dei divorzi piace. E ancor di più piacciono le strutture alberghiere che da un paio d’anni Jim Halfens sta distribuendo nei Paesi Bassi per agevolare le procedure di separazione, tanto che presto Rtl 4, una delle maggiori reti televisive nazionali, vi dedicherà un reality show, con l’intento di raccontare una delle trovate più grottesche che dalle parti di Amsterdam sono riusciti a pensare per chi del proprio matrimonio è stufo e intende uscirne con meno grattacapi possibili.

2500 EURO PER DUE GIORNI DI SOGGIORNO. Si chiamano Divorce Hotel, è una rete di alberghi costruita con lo scopo di rendere più snello e rapido l’iter di divorzio, approdata in Olanda su modello di strutture simili diffuse negli Usa. A una coppia che di stare insieme non ne può più bastano 2500 euro e 48 ore in questi hotel di lusso: tra spa e comodità di vario genere viene offerto ogni tipo di servizio e consulenza che il caso richieda. Ci sono gli avvocati che suggeriscono come dividere i beni, si concorda il pagamento degli alimenti, le visite dei figli. Ci sono psicologi che accompagnano i due giorni di villeggiatura, agenti immobiliari, notai e commercialisti. Perché stare in ballo mesi e mesi spendendo palanche a non finire quando basta un week end in albergo per chiudere la propria relazione?

L’AMICO CHE DOVEVA DIVORZIARE. Dopo aver preso piede con successo in Olanda, l’idea di Halfens ha fatto il giro del mondo, e ora vanta sedi in tante nazioni. Al fondatore l’idea è venuta guardando un suo vecchio compagno del college, rimasto in ballo 5 mesi per divorziare dalla moglie: «Il mio amico stava dimagrendo a vista d’occhio, lui e la moglie litigavano ferocemente ogni volta che si vedevano. Era davvero orribile», è quanto Halfens ha raccontato qualche anno fa al New York Times. «Così, vedendo loro, mi sono convinto che doveva esserci un’altra maniera per separarsi». Un’impresa che presto verrà rilanciata anche da un reality, commissionato da Rtl 4 a Passion Distribution e Vosrt Media. Protagoniste saranno proprio loro, le coppie in crisi, a patto che accettino di vivere le proprie ultime ore di convivenza riprese da una telecamera.