Google+

Craxi profetizzò il peggio del peggio. E infatti ecco Giggino Di Maio

ottobre 10, 2017 Luigi Amicone

Se ancora un po’ di sale in zucca ci è rimasto, bè, allora cominciamo a dividerci per poi ritrovarci inevitabilmente tutti insieme, visto il lavoro che c’è da fare

di-maio-ansa

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – «Non so cosa si propongano oggi tutti coloro che mirano al peggio, che alimentano ogni forma di qualunquismo, che utilizzano la politica, l’informazione, lo spettacolo, come mezzi puramente distruttivi». Quando nel 1992 Bettino Craxi si alzò in Parlamento, disse queste cose, riconobbe la corruzione di sistema e indicò l’urgenza di una riforma che avesse nella politica la propria fonte di legittimazione, il partito postcomunista fece spallucce, il suo Napolitano sciolse il Parlamento per consegnarlo alle procure ripulito dalla Costituzione antifascista (che prevedeva l’immunità dei parlamentari), legittimò le retate e diede alle sinistre l’illusione di aver finalmente trovato una scorciatoia per andare a comandare. Fu allora che l’astuto D’Alema iniziò a raccogliere le figurine dei magistrati democratici e a portarle in parlamento. Però adesso dice al Corriere della Sera che «la differenza tra Renzi e Craxi è che Craxi era di sinistra». Commovente pedanteria. D’Alema e le sue figurine alla Di Pietro hanno inseguito il leader socialista fin dentro la cassa da morto. E adesso, stando nello stesso partitello di reduci, puntano a far fuori l’unico leader che è rimasto a sinistra e l’unico partito che ha la sinistra per sognare di restare ancora qualche mese al governo. Povero Pisapia, convocato a re Travicello di un Regno che non esiste.

Ma ecco cosa c’è alla fine del “non so cosa si propongano” craxiano: c’è il ragazzino Giggino Di Maio, napoletano di buona famiglia e di buon fancazzismo, pupazzetto di Gargamella Grillo che lo ha impalmato nientemeno che di «candidato alla Presidenza del Consiglio». Può farcela? Ma certo che può. Nel deserto italiano ogni guagliuone è bello a mammasua giustizialismo. Roba forte che ha impregnato la ruota del criceto giornalistico della indignazione di giornata. E che ogni giorno sospinge sul tamburo leggi tipo il “nuovo codice antimafia”, parola di presidente di Confindustria, che «equipara l’attività degli imprenditori a quella dei delinquenti». Musica per le orecchie dell’investitore straniero! Nell’odierno caos internazionale, magari fa pure comodo ai “poteri finanziari e mediatici” di cui parla papa Bergoglio, che l’Italia, ex quinta potenza mondiale ed ex seconda potenza industriale d’Europa, coltivi una vocazione di paese per vecchi e camerieri. Diventeremo un po’ la camera di compensazione dei flussi migratori, un po’ la Florida dei pensionati benestanti arabi, cinesi e russi? Chissà.

Io sto già con Berlusconi
Comunque, a raccomandarci un destino da upper class di prima scelta anziché la Grecia (che non ha più un’azienda, però i giovani salariati sono in crescita perché sussidiati dalla Ue per lavorare nelle Ong che “accolgono” gli immigrati), ci pensano le menzogne delle “migrazioni ineluttabili” e degli Ius soli inevitabilmente “leggi civili”. Tutte falsità da tirannia del Bene, come ha ben descritto Socci su Libero, e dai begli artigli d’Amore. Nei fatti, il grosso dei disperati – questi sì, milioni – sono a fare da carne da cannone e da ricatto verso l’Europa, accampati lungo i confini di Turchia, Irak, Siria, Libano, Yemen, Somalia. Per liberare milioni di esseri umani dalle loro prigioni a cielo aperto basterebbe organizzare una missione di polizia internazionale e fare a pezzi i quattro tagliagole islamici cresciuti sotto la benevolenza dialogante del doppio mandato di Obama.

Chiudere con il fuoco i loro covi mediorientali, e sigillarne i canali di reclutamento digitali sarebbe una impresa difficile ma non impossibile. Certamente più intelligente di quella di alimentare il coccodrillo che spinge fiumane di persone a fuggire. E noi, stolti, a raccogliere i cocci invece che a costruire nuovi vasi. È vero piuttosto che quasi tutti i 180 mila che sono sbarcati nel 2016 in Italia, sono migranti economici. Infatti, in Italia – e solo in Italia, perché negli altri paesi europei non è così – sono presenti ben 103 nazionalità di migranti. E noi li “accogliamo” solo per incassare i sussidi europei. Tant’è, ci dice una fonte del ministero degli Interni, «a quelli che andiamo a prendere in mare domandiamo per prima cosa come si chiamano e da quale paese arrivano. Questi rispondono esibendo un pezzo di carta in cui c’è scritto: “Ecco a cosa abbiamo diritto secondo le leggi italiane ed europee”. Vogliamo un lavoro».

Capito? Se pensiamo che non avesse ragione Craxi, allora ben venga un governo Di Maio con i Davigo ministri. E prepariamoci al peggio del peggio. Ma se ancora un po’ di sale in zucca ci è rimasto, bè, allora cominciamo a dividerci per poi ritrovarci inevitabilmente tutti insieme, visto il lavoro che c’è da fare, sotto le bandiere delle ultime compagnie politiche plausibili e degli ultimi leader responsabili. I nomi? Fate un po’ voi. Io sto già con Berlusconi.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.

La terza generazione della Volkswagen Touareg si butta nella mischia dei SUV premium forte di numerosi accessori hi-tech. Disponibile per ora solo con motore 3.0 V6 TDI, ha prezzi che partono da 61.000 euro

L'articolo Prova Volkswagen Touareg 2018 proviene da RED Live.

Si chiamano Sport Edition e Sport Edition2 le due nuove versioni della Renault Captur che la Casa francese ha presentato a Roma – presso la Fondazione Exclusiva del rione Testaccio – il 14 maggio. La data non è casuale, e coincide con l’apertura delle prenotazioni dell’edizione rivista in alcuni dettagli e arricchita di una delle […]

L'articolo Renault Captur: ora è Sport Edition, e anche “al quadrato” proviene da RED Live.

Momodesign continua a rinnovare la sua gamma di prodotti incentrata sui caschi, che sono diventati negli anni un acquisto irrinunciabile per scooteristi e motociclisti attenti alle tendenze e allo stile. Il nuovo jet open face fa intuire fin dal nome la sua vocazione: interpretare la contemporaneità del design con linee decise, che mantengono comunque assoluta […]

L'articolo Momodesign Blade Urban Wonder proviene da RED Live.