Google+

Con la samp anche Genova va in B (e un po’ anch’io)

giugno 9, 1999 Lauzi Bruno

Lettera a tempo

La mia povera Sampdoria è andata in serie B. Dolore! – direbbe Max Cipollino, alias Massimo Boldi. Si sa che nella vita si può cambiare idea politica, ma non si cambia la squadra del cuore. Questo è vero sempre, figuratevi quando si è nati insieme a lei. Era la primavera del ’46 quando, affacciato con mio padre all’ottavo piano di un palazzo in riva al mare, stavo seguendo la partita che nel campetto sottostante stava giocando l’Andrea Doria, squadra di una serie minore, e mio padre mi disse: “Sai che la Doria si fonderà con la Sampierdarenese e a settembre debutteranno in serie A col nome di Sampdoria? Che ne dici andremo a vederla?”. Io assentii entusiasticamente e così a settembre entrai nel mitico stadio di Marassi contemporaneamente alla mia squadra (vinse 1 a zero con gol di Baldini contro la Fiorentina, credo… o era il Bari?). Avevamo trovato posto in gradinata sud, quella che sarebbe diventata poi la gradinata doriana per antonomasia. Questo per dire che pochi possono più di me sentirsi rappresentati da una squadra. Ora mi sento in serie B anch’io, insieme alla mia città che già è in crisi per tutto il resto e le mancava giusto questa ciliegina sulla torta… per buon peso ci mancava la festa genoana per la nostra disgrazia. E questa è una cosa che non sopporto e non giustifico. Badate, io non ho mai, dico mai, gioito per le disgrazie del Genoa. Nello sport si tiene per qualcuno, non si deve essere contro nessuno, vinca il migliore, si celebrano le proprie vittorie non le altrui sconfitte. Così mi ha insegnato mio padre. Dev’essere inglese, mio padre. Già, perché nell’Italia dei comuni, delle contrade, dei guelfi e dei ghibellini, dei rossi e dei neri, non usa così. Io la chiamo la “sindrome del Palio di Siena” per cui non è importante che vinca io, l’importante è che perdi tu: quando a Siena una contrada non può permettersi un cavallo e un fantino vincenti, paga un energumeno perché disarcioni il fantino della contrada “nemica”. Siamo così anche in politica: l’idea dell’avversario ideologico è sbagliata, comunque e sempre. Non ci vuole molto per prevedere che finché questo popolo ragionerà così non andremo molto lontano. Anzi, non andremo da nessuna parte: resteremo semplicemente in B, solo che la Samp potrebbe restarci un anno solo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Ridisegnata nei dettagli e capace di offrire un allestimento più ricco, la Ford Ecosport sta riuscendo a ritagliarsi una fetta importante del mercato SUV. Il motore TDCi da 100 cv è il cuore giusto per lei? Scopriamolo in questa prova

L'articolo Prova Ford Ecosport 2018 <br> il bello della concretezza proviene da RED Live.

Nasce sulla base del Crafter e promette praticità e abitabilità da camper. A fine agosto ne sapremo di più

L'articolo Volkswagen Grand California, perché la vita è un viaggio proviene da RED Live.

Piegano come una moto (a volte pure di più) ma offrono più sicurezza e abitabilità. Con un buon "allestimento" possono essere una valida alternativa all'auto offrendo velocità e agilità da scooter e protezione (anche dei vestiti) da auto. Sono i mezzi a tre ruote, sia scooter sia moto, con sistema di basculamento. Quasi tutti scooter hanno però una guest star. Ecco quali sono e come vanno.

L'articolo Moto e scooter, quando due ruote non bastano. Ecco i migliori tre ruote proviene da RED Live.

I prezzi partono da 24.650 euro, quattro gli allestimenti disponibili

L'articolo Peugeot 2008, arriva il 1.5 BlueHDi con cambio automatico proviene da RED Live.

Per chi vuole qualcosa in più della solita Sport Utility, con l'accento sulla sportività. Farà il suo debutto ufficiale al Salone di Parigi, in ottobre

L'articolo Skoda Karoq Sportline, la SUV che va di fretta proviene da RED Live.