Civiltà perduta. Un’impresa da pazzi in tutti i sensi

Scritto e diritto da James Gray è un film sfortunato e affascinante: lascia lo spettatore scombussolato essendo più un viaggio nella mente che nello spazio

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

civilta-perduta

A inizio Novecento un maggiore inglese è mandato in Amazzonia sulle tracce di un’ipotetica civiltà perduta.

Film sfortunatissimo e affascinante. Scrive e dirige James Gray, che ha sempre cercato di rifare il cinema classico attraverso i generi: il noir disincantato con I padroni della notte, il melodramma con C’era una volta a New York e il suo film migliore, lo struggente Two Lovers.

Con Civiltà perduta si mette sulle tracce di Herzog e del suo Fitzcarraldo. Impresa da pazzi come da pazzi è l’impresa del suo protagonista, il maggiore Fawcett a caccia di una città sepolta.

Non tutto è a fuoco: la narrazione non è lineare e scombussola lo spettatore che si aspetta un film diverso, fatto di colpi di scena e cattivi feroci alla Apocalypto, e invece si trova davanti un film cupo e oscuro che si perde nel seguire nella foresta un personaggio sfuggente, tra sensi di colpa e ossessioni.

Straordinario a livello visivo, gli manca coerenza e unità ma è inevitabile essendo più un viaggio nella mente che nello spazio. Tante suggestioni: Conrad e Malick su tutti mentre aleggia la presenza del colonnello Kurtz e del suo fiume infernale.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •