Cina. Il partito avverte: se gli ufficiali abbracciano «il cristianesimo, crolla il comunismo»

L’obiettivo della campagna anti-corruzione di Xi Jinping non è solo impedire che i membri del Pcc prendano bustarelle, ma anche che non aderiscano a nessuna religione

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

cina-cristiani-chiesa-partito-comunista

Se i «membri del partito comunista» potessero aderire al cristianesimo, «non potremmo più chiamarci “partito comunista cinese”. Crollerebbe tutto». Recita così un articolo pubblicato dal Global Times, quotidiano molto vicino al Pcc, e firmato da Zhu Weiqun, capo della commissione Affari etnici e religiosi del “Parlamento” cinese.

«RELIGIONE VIETATA». Zhu ha voluto ricordare che «un membro del partito comunista non può assolutamente aderire a una religione. Questo è un principio ideologico e organizzativo che il partito ha sempre sostenuto fin dalla sua nascita. Non ci possono essere dubbi su questo». Come mai il giornale semi-ufficiale del partito si è preso la briga di ricordare con questa chiarezza tale principio? È presto detto.

CAMPAGNA ANTI-CORRUZIONE. La campagna anti-corruzione «per evitare la fine del partito comunista» è il marchio di fabbrica della presidenza dell’attuale segretario generale Xi Jinping. Grazie a questa campagna Xi sta lentamente ma inesorabilmente eliminando tutti i suoi avversari politici, accentrando allo stesso tempo sempre di più il potere nelle sue mani. Diversi osservatori, infatti, già affermano che neanche Mao Zedong aveva mai avuto un potere simile. La corruzione in Cina, diffusa a livello endemico, purtroppo non si può eliminare facilmente, essendo generata dal sistema stesso del partito unico, che non deve rispondere a nessuno. Ma non è questo il punto.

RELIGIONE È CORRUZIONE. Negli ultimi mesi, molti opinionisti in Cina hanno timidamente osservato che forse se gli ufficiali del partito potessero aderire a una religione, sarebbero facilitati ad abbandonare la corruzione. La risposta ufficiale a questa teoria è arrivata ben prima del citato articolo: la potentissima Commissione centrale per le ispezioni disciplinari ha da poco finito un secondo giro di controlli e ha criticato con forza molti membri locali del partito «perché aderiscono a una religione».

cina-chiese-croci-demolizione-comunismo«CROLLEREBBE TUTTO». Nell’eventualità che qualche ufficiale non avesse inteso l’antifona, è arrivato l’articolo di Zhu a spazzare via ogni possibile dubbio: i membri del partito devono essere coerenti con la sua visione del mondo. Se abbracciassero il «cristianesimo», l’unica citata tra le altre religioni, «tutte le ideologie, le teorie e le organizzazioni crollerebbero».
Il problema sta tutto qui. Lo scopo della campagna anti-corruzione è sempre stato uno solo: non il benessere delle «masse», ma la sopravvivenza al potere del partito. E siccome aderendo al cristianesimo, come affermato da Zhu, «crollerebbe tutto», bisogna evitare in ogni modo questo rischio.

CROCI E CHIESE. Il cristianesimo è diventato dunque più pericoloso di qualunque bustarella. Sarà un caso che in sette mesi nella provincia di Zhejiang siano state demolite dal governo comunista centinaia e centinaia di croci e chiese in una campagna «che non si era mai vista neanche durante la Rivoluzione Culturale»?

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •