«El Shaarawy? Non è incedibile». City e Napoli gongolano per il Faraone

Due giorni fa era blindato a Milano, ora è nella lista dei partenti. Le parole di Adriano Galliani cambiano le carte del futuro dell’italo-egiziano: piace in Inghilterra, ma anche a Benitez.

Milan, il futuro di El Shaarawy è un pendolo che si muove con la solita costanza: un giorno ha casa fissa a Milanello, due giorni dopo si ritrova sul mercato. O così almeno si può dedurre dalle parole di Adriano Gallini, lo stesso che solo lunedì mattina diceva che il Faraone non avrebbe mai lasciato la maglia rossonera. Ieri invece le sue battute sono state meno insindacabili: «Il milanista che ha più mercato è El Shaarawy, ma non ho ricevuto ancora alcuna proposta», è quanto riporta la Gazzetta dello Sport. «Quanto costa? Il prezzo non è ancora stato fatto. Non voglio dire che è incedibile perché questa parola nel calcio moderno è difficile da pronunciare, tanti anni di Milan mi hanno insegnato che tutto può succedere».

AL CITY PIACE. Già, tutto può succedere. Anche perché il Faraone, autentica rivelazione della prima metà della stagione rossonera appena conclusa, di pretendenti ne ha eccome: la più importante per blasone e portafoglio è il Manchester City, squadra con cui il Milan vedrebbe bene uno scambio tra El Shaarawy e Tevez, ovviamente rimpinguato da una ricca aggiunta di soldi nelle casse rossonere, vista la netta differenza di cartellino ed età tra i due giocatori. La valutazione specifica dell’italo-egiziano è ancora poco chiara, ma si aggirerebbe intorno ai 40 milioni, cifra che i Citizens potrebbero raggiungere offrendo l’Apache più 20-25 milioni.

MA C’È PURE IL NAPOLI. Ma le domande a Galliani dei giornalisti ieri non spingevano El Sha tanto verso l’Inghilterra, quanto piuttosto verso Napoli. Perché il ragazzo piace molto a De Laurentiis che già lo scorso gennaio aveva fatto un tentativo di portarlo al San Paolo. Lo scenario ora si potrebbe riproporre per quanto Galliani ieri ha detto di non essere stato ancora contattato dagli Azzurri. I partenopei stanno per cedere Cavani e quindi potrebbero ricevere denaro fresco da reinvestire subito in nuove trattative. E chissà che il Faraone non sia la faccia nuova su cui Benitez costruirà il Napoli delle prossime stagioni.

Seguici su Tempi Sport