Intervista – Luca lo Pinto racconta l’arte bresciana in metropolitana

1La metropolitana di Brescia si fa teatro di un progetto che invade piacevolmente uno specifico spazio di pubblico servizio: SubBrixia affida a 5 artisti di fama -Rä di Martino, Marcello Maloberti, Francesco Fonassi, Patrick Tuttofuoco e Elisabetta Benassi – il compito di istallare un’opera in una specifica fermata della metro. La cura è affidata a Luca lo Pinto che ci racconta qualcosa in più sull’iniziativa. 

Come è nato il progetto? perché portare l’arte in metropolitana?

Il progetto ci è stato commissionato da Brescia Musei e Brescia Mobilità con l’idea di invitare una serie di artisti a concepire degli interventi nelle varie stazioni. Ovviamente le specificità dei vari spazi ha influito ciascuno dei progetti realizzati.

Come sono stati selezionati i 5 artisti?

Gli artisti sono stati scelti in base all’attitudine e alla capacità di poter dialogare, attraverso linguaggi e mezzi diversi, con questi spazi.

Quali sono le peculiarità degli artisti? e il loro rapporto con la città di Brescia?

Ogni progetto è stato realizzato a seguito di diversi sopralluoghi e di studi sia sulle caratteristiche storiche, architettoniche e sociali della città e della metropolitana. Marcello Maloberti ha concepito, per la fermata della Stazione, un’installazione che gioca sulla percezione e sullo straneamento ribaltando un segno che definisce la città stessa come il cartello stradale. Ra di Martino ha prodotto un enorme poster cinematografico tra il vero e il verosimile giocando sul linguaggio della comunicazione e della pubblicità che comunemente invade gli spazi della metropolitana. Francesco Fonassi è intervenuto nella fermata Ospedale con un progetto sonoro intitolato Rationabiles tubas, o guarigione”. L’opera consiste in un un tono generato da un insieme di ottoni che lavorano sull’idea di un continuum sonoro modificato e manipolato con strumenti analogici. Il titolo e la struttura sonora evocano un’idea di transizione allucinatoria e di un’esperienza curativa.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •