Fumetto – Tito Faraci e Silvia Ziche tornano all’Infierno

Infierno2_piattoNel 1999 Tito Faraci e Silvia Ziche, nota coppia artistica in ambito disneyano, pubblicano ¡Infierno!, una folle e delirante corsa a fumetti, senza fumetti: si tratta infatti di un esperimento narrativo, 56 tavole in cui vi sono solo disegni e tutta l’azione è portata avanti dalle espressioni facciali, mute, senza la presenza di baloon  e di onomatopee. A questa vicenda, in occasione di Lucca Comics 2014 si aggiunge una seconda parte, sempre dello stesso duo, per i tipi di Rizzoli Lizard che, in una semplice ma solida edizione brossurata, ripropongono entrambi i capitoli (nonostante il titolo non sia così esplicito), nel loro bianco e nero originale.

Le storie hanno per protagonisti due diavoli scapestrati al soldo di Satana, che governa l’Inferno e le sue pene come una gigantesca e burocratica azienda, con le sue gerarchie e suoi sistemi produttivi. A mettere in crisi la piacevole esistenza è sempre un elemento esterno – un boss mafioso nel primo caso, una bella ragazza nel secondo – che mette in moto surreali e spassose vicende. I due, accompagnati da uno strano volatile che si fa trascinare come un palloncino, agiscono come detective un po’ goffi ma colmi di buona volontà, incapaci di mantenere sotto controllo i loro istinti e sempre pronti a bisticciare tra di loro. Ma a brillare non è tanto la storia, quanto i meccanismi di azione e reazione che vengono messi in piedi dallo sceneggiatore, basandosi solo sul mutismo caratterizzante i personaggi. Sembra strano, ma in una storia completamente muta si ride di gusto, con passione  e piacere,Infierno sketch alla vista di umane e diaboliche virtù messe in burletta. Lo sceneggiatore usa quei suoi piccoli marchi di fabbrica e citazioni – i nani di gesso, Baldo l’allegro castoro, i gangster col violino – tipici su Topolino e su Pkna alla fine degli anni ’90: un umorismo demenziale ma vincente, che in un fumetto senza paletti come questo osa anche di più. Non manca infatti l’aspetto satirico vero e proprio, con cui Tito Faraci prende in giro la vita terrena: la prima storia, basata su una corsa elettorale tra Paradiso e Inferno, è a dir poco geniale sotto quest’ottica.

Silvia Ziche, fresca di Premio Papersera 2015, da par suo crea tavole efficacissime, in cui la scomposizione del layout e delle vignette non provoca mai disordine, ma innietta invece azione e dinamismo alla vicenda. I personaggi agiscono di vita propria, con quello stile completamente zichiano: occhi che strizzano, pupille minuscole, denti in bella mostra, braccia che si sbracciano, e altri effetti speciali che sopperiscono all’assenza di parole. Seppur il primo episodio possieda più verve rispetto al secondo, siamo di fronte ad un’opera notevole per costruzione e per divertimento, in cui la collaborazione artistica si tocca con mano e ci si affeziona subito ai personaggi. La buona edizione (anche se un approfondimento critico – editoriale non avrebbe stonato) completa il tutto, conservando il candore del bianco e nero, che valorizza in maniera piena le tavole, portando il lettore a osservarle una per una con calma, gustandosi la storia.

@Badenji

¡Infierno! 1 e 2, sceneggiatura di Tito Faraci e disegni di Silvia Ziche, ed. Rizzoli Lizard, brossura con alette, 17 x 24, b/n, 104 pagine, 14€

Contenuti correlati

Video

Lettere al direttore

Foto

Welcome Back!

Login to your account below

Create New Account!

Fill the forms bellow to register

Retrieve your password

Please enter your username or email address to reset your password.

Add New Playlist