Bersani promette leggi sui reati di omofobia e divorzio breve e una revisione della Legge 40

Il leader del centrosinistra alle associazioni gay: se vince farà una legge su omofobia e divorzio breve oltre che seria revisione della norma su fecondazione assistita

Durante l’apertura della Convention organizzata oggi a Roma da Agedo, Arcigay, Arcilesbica, Equality Italia, Famiglie Arcobaleno cui partecipano esponenti del Pd, Sel, Rivoluzione Civile e Movimento 5 Stelle, è stata data lettura di un messaggio di Pier Luigi Bersani, candidato premier del centrosinistra, che rispondendo alle quattro questioni poste dalle associazioni, si è impegnato a estendere, entro sei mesi, la Legge Mancino anche ai reati di omofobia e di transfobia.

Il Segretario del Pd avrebbe dichiarato che entro un anno “di prendere la legge tedesca sulle unioni omosessuali e di tradurla nella legislazione italiana”, compreso “il nodo del riconoscimento del diritto del bambino che cresce all’interno di un nucleo famigliare omogenitoriale a vedere riconosciuto dalla legge il legame affettivo con il genitore non biologico, soprattutto nei casi di malattia o morte del genitore biologico”. A renderlo noto in un comunicato le associazioni Agedo, Arcigay, Arcilesbica, Equality Italia, Famiglie Arcobaleno.

Il leader del centrosinistra ha inoltre ricordato come sia necessaria una legge sul divorzio breve, e una seria revisione della legge 40. (AGI)