«Basta rosari nelle nostre ovaie». L’indegno manifesto per promuovere il «diritto all’aborto»

I movimenti abortisti di Francia e Spagna, per promuovere le rispettive manifestazioni a favore dell’interruzione di gravidanza, usano un rosario a forma di utero

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

aborto-spagna-francia-rosario«Basta rosari nelle nostre ovaie». È questo lo slogan scelto in Spagna per una manifestazione a favore del «diritto all’aborto» che si terrà a Madrid il prossimo 1 febbraio.

IL ROSARIO. L’immagine utilizzata per accompagnare lo slogan è di dubbio gusto: un rosario disposto a forma di utero femminile che racchiude questa scritta: «Il diritto a decidere dei nostri corpi non è questione di fede, ma di democrazia».
Lo slogan e l’immagine sono stati ripresi in Francia dal movimento “Pianificazione familiare”, che per dare sostegno agli abortisti spagnoli ha organizzato a Parigi una manifestazione il prossimo 1 febbraio. Un’altra protesta simile si terrà oggi a Bruxelles perché «il diritto all’aborto deve progredire in Europa».

manif-pour-tous-italiaFRANCIA E SPAGNA. Non si può certo dire che le situazioni di Spagna e Francia siano simili: se Madrid con Rajoy ha appena proposto una legge per riformare quella ultra-permissiva di Zapatero, che ha trasformato l’aborto di fatto in una pratica anticoncezionale, Parigi con Hollande ha appena trasformato l’interruzione di gravidanza in un «diritto come tutti gli altri», dicitura inedita in Europa.

MANIF POUR TOUS. Le manifestazioni «per far progredire il diritto all’aborto» si terranno un giorno prima della grande mobilitazione europea della Manif pour tous contro la “famigliafobia”. A Parigi, Lione, Bruxelles, Bucarest, Madrid, Varsavia e Roma si terranno manifestazioni a favore della famiglia e della vita e contro il tentativo di approvazione al Parlamento europeo della bozza sull’uguaglianza fondata sull’“orientamento sessuale e l’identità di genere”, più nota come rapporto Lunacek.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •