Google+

Anche in questo tempo di “mostri”, liberaci dal male

novembre 4, 2017 Antonio Simone

Ciò che è veramente insopportabile in questi tempi di “mostri” è la verginità morale dei commentatori, dei “giusti comunque”

Kevin Spacey apologizes to actor for alleged 'sexual advance'

Avevo circa 16 anni quando mi occorsi che il forte desiderio di giustizia che mi accompagnava nella rivendicazione di un mondo migliore si scontrava con una altrettanto evidenza del mio vivere: ero capace di violenza. Si può vivere volendo giustizia e facendo ingiustizia. Mi accorsi del male come possibilità, anzi, come evidenza dell’essere uomo.

C’era e c’è nell’uomo (e nella donna) la convivenza del desiderio di un bene da costruire e l’evidenza del male come forma variegata di violenza nei confronti dell’altro. E questo indipendentemente dal grado di potere che ciascuno può rappresentare e dai diversi ruoli che si occupa, anche se il potere rende facilmente onnipotenti e quindi più fragili davanti al proprio male.

Anche san Paolo che avevo studiato a catechismo diceva: «Vedo il bene che voglio, faccio il male che non voglio» e a Messa recitavo il Padre nostro che chiede di «liberarci dal male».

Ciò che è veramente insopportabile in questi tempi di “mostri” è la verginità morale dei commentatori, dei “giusti comunque” dotati dalla natura dell’impossibilità di compiere il male.

Denunciare le violenze TUTTE (sessuali, politiche, etniche, familiari) serve e si deve fare per ricordarci che il MALE è qui fra noi, siamo tutti capaci di compierlo in forme più o meno visibili, armati della propria supponenza, certi dell’essere quasi “DIO”.

Denunciare serve a limitare questa capacità umana deleteria e cercare di recuperare chiunque alla evidenza del male possibile fino alla pena riparatoria.

Denunciare serve per vedere se qualcuno o qualcosa può liberarci dal male.

Denunciare il male serve per vedere se esiste ed è possibile il perdono.

Su questa ipotesi si è costruita la storia della società occidentale intorno all’avvenimento cristiano: «Io sono la via, la verità, la vita». Ipotesi oggi dimenticata, negata, combattuta, ridicolizzata e, tra l’altro, poco proposta.

«È l’umanità che ha abbandonato la Chiesa o è la Chiesa che ha abbandonato l’umanità?» si chiedeva Eliot.
«Liberaci dal male» è il grido, dentro il proprio limite, dell’insopprimibile desiderio di felicità.

Fonte Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

In quattro anni se ne possono preparare tante di novità e i ragazzi californiani non si sono certo risparmiati. A partire dal telaio, che dalla lega di alluminio è passato alla fibra di carbonio, nello specifico UHC Advanced con specifiche Felt, per poter meglio distribuire rigidezza e flex nei punti giusti. NUOVO TELAIO  La fibra […]

L'articolo Felt Compulsion m.y. 2018 proviene da RED Live.

Kia Stinger è un’auto che segna per l’azienda coreana un nuovo approccio: 380 cavalli, quattro posti, design e grinta da sportiva. per questo anche le attività di marketing e comunicazione seguono un percorso diverso. Stinger approda in tv con “Wishlist, il metodo Stinger”, una mini-serie di 3 episodi da 30 minuti, in onda sul NOVE la […]

L'articolo Kia Stinger, mini serie per la tv proviene da RED Live.

Ispirata dalle moto café racer (e non solo), questa edizione limitata vuole segnare un'epoca. Con una personalizzazione originale e stilosa, sia fuori sia dentro l'abitacolo

L'articolo DS 3 Café Racer, quando la DS suona il rock proviene da RED Live.

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.